LA NOSTRA AZIONE ANTIMAFIA DATATA 22 ANNI FA: QUESTA SI CHIAMA STORIA.

Il tritolo sull’asfalto dell’autos trada Palermo /Capaci è ancora bollente e la rabbia dei siciliani onesti e increduli non ha pace. Smarriti, avvolti dall’impotenza e dal dubbio, stravolti e demoliti nell’animo, abbiamo iniziato
a pensare che fare, come dire che la mafia non ci appartiene e che prendiamo le distanze dai mandanti ed esecutori? Come gridare al mondo intero che non bisogna fare di tutta l’erba un fascio? E allora pensieri su pensieri…fino a progettare un Bagno simbolico dove invitare tanti giovani liberi, lucidi, forti, determinati e veri, a tuffarsi nelle acque di Mondello per dire ai carnefici di “cosa loro” che noi prendiamo le distanze da ogni azione di violenza?
E così per sei giorni il tam tam nelle scuole, un passa parola ricco di entusiasmo e dove il “ci stò” diventava sempre più certezza-
Passano le ore, si susseguono i giorni e la spiaggia di Mondello si riempie di giovani.

Tutti con la maglietta rossa. Al mio fischio ecco l’IMMERSIONE-

Entrano correndo, urlando “No alla mafia ” e il tuffo diventa oceanico.
In acqua ci si agita, ci si toglie la maglietta rossa per uscire con una bianca o chi può a dorso nudo

Era VENERDI 29 MAGGIO 1992.

Quel giorno passa alla storia.
Si la storia di chi l’Antimafia ( con la A Maiuscola) ha iniziato a farla prima e dopo le stragi di Capaci e via d’Amelio.
Quell’organizzatore di cui parla di Giornale dei Sicilia, tutti schiaffeggiati in prima pagina è lo stesso che adesso scrive questo articolo per ricordare che già 22 anni fa dicevamo da che parte stavamo e con chi stavamo: con gli onesti, con chi piangeva il proprio figlio poliziotto morto col tritolo dell’odio, con gli ultimi.
Maurizio Costanzo ci ha chiamato volendo 50 di noi al Teatro Pariolo…poi siamo andati in 5 per una settimana.
E poi…Eccoci qua a scrivere e ricordare…a ridare voce e speranza e a uscire da quell’acqua del mare di Mondello con una certezza:continuare.
Il Parlamento della Legalità ne è risposta concreta e viva e oggi, mentre si processa lo Stato per rapporti più o meno documentati, noi tiriamo fuori dai nostri cassetti quel giornale ingiallito ma sempre pronto a documentare che noi l’antimafia la portiamo nel sangue, nei pensieri, nelle azioni, e se la storia non si inventa , noi oggi siamo in grado di scriverla..nella verità e nell’onestà-
E’ vero ciò che scrisse Bacone “La Verità è figlia del tempo…non solo dell’autorità”

Nicolò Mannino

prima pagina gds 29-05-1992
particolare pagina

Delegazione di politici monrealesi al Parlamento della legalità: Crediamo insieme in una cultura di riscatto-

Un pomeriggio diverso, a osservare e fotografare immagini, volti, sorrisi , paesaggi, slogan…tutto in un clima di familiarità e di disponibilità a una cooperazione attiva. Non stiamo parlando di una visita a un museo più o meno noto bensì a un incontro culturale e di programmazione di attività svoltosi nella sede nazionale del Centro Studi Parlamento della Legalità nel Comune di San Cipirello. A guidare la delegazione dei politici monrealesi è stato Salvatore Sardisco collaboratore di Presidenza del Parlamento della Legalità, il quale ha accompagnato nella sede di uno dei movimenti ormai noto in tutta Italia, il Presidente del Consiglio Comunale di Monreale  Giuseppe Di Verde, i consiglieri Manuela Quadrante e Rossella Pica. Con il gruppo anche Helga Guardì, neo socio onorario del Parlamento della Legalità nominata lo scorso otto ottobre  a Roma in occasione dell’inaugurazione dell’Anno  Accademico  svoltosi alla Camera dei Deputati.
Ad accogliere la delegazione il Presidente Nicolò Mannino che ha avuto parole di stima e di apprezzamento per il cammino culturale svolto nella città arabo normanna, sede del Vescovo della diocesi ( Mons. Michele Pennisi, guida spirituale di questo movimento)  dove da mesi è nata l’Ambasciata  dei Colori e che presto vedrà l’insediamento  di questo organo studentesco / giovanile, “cuore giovane e trasparente- dice Nicolò Mannino- in una delle città più belle della sicilia”-
Contento il Presidente del Consiglio di Monreale  Giuseppe Di Verde il quale , insieme  a Manuela Quadrante e Rossella Pica , ha garantito la massima collaborazione dell’amministrazione comunale nell’incoraggiare tutte le iniziative che mirano a una educazione concreta alla legalità e cittadinanza attiva-
In cantiere diverse iniziative che partiranno dai prossimi giorni e che coinvolgeranno studenti di ogni ordine e grado i quali saranno entusiasticamente coinvolgi in alcune iniziative dove sono protagonisti nel territorio non da spettatori ma da cittadini “importanti” che amano il proprio paese e diventano coscienza critica per il bene della collettività-

Nicolò Mannino
 20141022_195714
20141022_195625

PER TE…UN GRAZIE DI CUORE…RIPARTIAMO CON ENTUSIASMO. ABBIAMO BISOGNO DI TE

Cari Amici e Amiche che aderite con gioia al Centro Studi Parlamento della Legalità…VI raggiungo in punta di piedi con quell’emozione che sa di affetto puro e disinteressato, di gratitudine vera, di entusiasmo disarmante, sempre pronto a ripartire con ferma convinzione che solo chi semina raccoglie ciò che pianta.
Sono ancora commosso nel rivedere nella mia mente tanta gente meravigliosa che dalle prima ore del giorno ( 8 ottobre) e parecchi già il pomeriggio del 7 ottobre, hanno raggiunto la Capitale per dare vita a un appuntamento da vivere con quel clima fraterno al nostro Parlamento della Legalità.
Se ben ricordate eravamo in tanti arrivati da diverse città d’Italia ,lo so con tanti sacrifici e tanta voglia di mettersi in gioco.
Vi ho visti partecipi e  a tratti emozionati quando davanti a voi, nella splendida sala delle colonne, veniva proiettato il video “Il mio Paese è semplicemente Bellezza” dove è incastonata la voce il volto di Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Don Pino Puglisi…UOMINI che hanno creduto fino alla fine a una CHIAMATA.
Si, perchè la nostra è UNA CHIAMATA…alla vita, alla gioia, all’operatività, un impegno “per – come diceva Paolo Borsellino- sostituire al puzzo del compromesso il fresco profumo di libertà”.
Adesso occorre passare all’azione. Se l’appuntamento dell’8 ottobre ha piantato in TE qualcosa di bello, fa che sbocci nel cuore di qualcuno,( specie nei giovani vittime di un compromesso che uccide i loro sogni e le loro speranza) il desiderio di VIVERE LA VITA CON GRATITUDINE.
Tu sei parte viva del Parlamento della Legalità. Tu sei anima pura di questo nostro movimento. Tu sei parte integrante di un cammino che non avrà fine perchè sin dal primo momento ( credi o non credi) ho posato tutto nel cuore di Maria “Stella del Mattino” e questa estate a Medugorje e poi a Lourdes ho posato la chiave della sede nazionale del Parlamento della Legalità ai piedi di Maria consacrando tutto a LEI.
Io , in questo nostro movimento sono solo un motore che parte in quarta…ma TU…voi siete quel carburante che mi permette di correre ovunque…VOI siete l’anima vera di tutto.
E quando la sera siamo nel nostro letto mettiamo tutto davanti a Dio: chiediamo a LUI se siamo stati “Ambasciatori di Bellezza e di Speranza”. Come voi avete notato il cammino vissuto fino a qui ci ha visto arrivare già a Montecitorio…e questo non è scontato per un movimento culturale che vive tra tanti movimenti e associazioni.
Se siamo stati accreditati per entrare nelle stanze del Governo…vuol dire che dagli accertamenti consolidati… in noi vige la trasparenza, la semplicità, l’onesta e il sacrificio.
Io credo in VOI e so che insieme si può fare tanto- Se volete e ci credete ancora ORGANIZZATE dei momenti di aggregazione e di festa. Almeno uno o due in questo anno accademico- Se mi informate in tempo…verrò con gioia a vivere queste convocazioni. Se non potete o avete altri impegni, non importa. Lasciatevi abbracciare col cuore e percepite tutta la mia semplice e disinteressata carica affettiva che nasce da una costante preghiera a Colei che in questa terra più di 2000 anni fa ha tutelato il Figlio di Dio e un giorno, dopo la crocifissione del suo Gesù ha saputo cantare l’Alleluia della Libertà.

Grazie per aver letto questo messaggio e GRAZIE per tutto ciò che farete per riaccendere nel cuore di chi è solo un sorriso d’amore dove se lacrime devono ancora esserci che siano di gioia.
A voi un fraterno saluto.

Nicolò, uno di voi

MANIFESTO NICOLA E BAMBINI

IL PARLAMENTO DELLA LEGALITA’ ALLA CAMERA DEI DEPUTATI PER DARE IL VIA ALLE INIZIATIVE CULTURALI SU TERRITORIO INTERNAZIONALE

Ha avuto un respiro più che nazionale l’apertura dell’anno accademico 2014/15 per il Parlamento della Legalità. L’inaugurazione è avvenuta ieri, mercoledì 8 ottobre, nella capitale, nella “Sala delle due colonne”, immobile di Palazzo Marini che fa parte della Camera dei deputati. Prestigiosa location che ha accolto personalità  del mondo politico, ecclesiale, della scuola, della stampa, della scienza, dell’arte, provenienti da tutta Italia per dare il via tutti insieme ad un nuovo anno di attività culturali e formative nel nome della bellezza e della legalità. Incontro fortemente voluto ed organizzato dal presidente, Nicolò Mannino, del piccolo movimento  nato in provincia di Palermo e che ora ha “contaminato” tutto lo stivale, e moderato con grande professionalità ed umiltà da Adriana Pannitteri, giornalista Rai. Un movimento dalle grandi ambizioni raggiunte solo nel nome dell’amore, che si apre al mondo. A breve verranno infatti inaugurate due ambasciate del Parlamento della Legalità, una a New York ed una a Shangai.

Due ore intense di emozioni dunque ieri, il convegno si è svolto dalle ore 10 alle ore 12, durante le quali le varie personalità intervenute hanno condiviso le loro esperienze e le loro competenze. Da Maria Greco, componente della Commissione Giustizia della Camera, al giudice Stefano Dambruosio, da Gianfranco De Gesu, direttore generale dell’amministrazione penitenziaria, ai vari componenti attivi del movimento, come Antonella Abruzzo, Giovanni D’Alascio, Salvatore Sardisco. “La legalità conviene” è stato il pensiero condiviso. Perché legalità vuol dire bellezza. Quella cultura della bellezza per la quale nella quale ha creduto Peppino Impastato e per la quale oggi la storia continua in realtà come quelle del Parlamento della Legalità. Momento particolarmente emozionante così è stato quello relativo alla proiezione di un video realizzato dal movimento e che in pochi minuti raccoglie il leit motiv del Parlamento della Legalità, quello di vedere il bello anche dove sembra che non ce ne sia. Ma anche quello di fare squadra, di mettere insieme le proprie capacità, le proprie competenze. Non siamo soli. Ed a darne concretezza le figure di  padre Pino Puglisi, papa Wojtyla, Falcone e Borsellino, Peppino Impastato, che scorrono durante il video. ”Il mio Paese è ancora bellezza, ma ho bisogno di te”, sostiene Mannino. Che è poi anche il titolo del video. Ed anche da parte del cardinale Salvatore De Giorgi arriva l’approvazione. Ecco cosa scrive in una mail inviata al presidente: “Mi unisco spiritualmente anch’io  a quanti, aderendo al Palamento della Legalità, si impegnano a dare il loro contributo di pensiero e di azione perché si affermino e crescano  ovunque la convinzione, la mentalità, la cultura, tradotte nell’esemplare comportamento  e  stile di vita, che solo nel rispetto delle leggi si costruisce una società serena, sicura, solidale, degna dell’uomo. La coincidenza  dell’avvio  alle iniziative culturali con la festa della Madonna del Rosario, sempre pronta a ubbidire alle leggi civili (come quella del censimento)  e religiose (come quelle della presentazione al tempio del neonato Gesù e i pellegrinaggi a Gerusalemme), è  un segno della sua materna benedizione a quanti, credenti o non credenti, si impegnano a seguirne l’esempio luminoso e sempre attuale”. E proprio in nome della fede la meravigliosa giornata trascorsa al Quirinale si è conclusa con la benedizione materna. Il presidente Mannino ha infatti guidato il gruppo alla visita della chiesa della Madonna del Pozzo, la piccola Lourdes italiana. Forse l’emozione più grande dell’intensa giornata.

 

Sandra Pizzurro

grecoroma3 grecoroma2 GRECOROMA

Visita al Carcere di Bollate dell’ On. Stefano Dambruoso, questore della Camera dei Deputati e Coordinatore Culturale del Parlamento della Legalità

dal quotidiano online MI-LORENTEGGIO.com

 

Visita del questore Dambruoso al carcere di Bollate per progetto di arte terapia

Lunedì 6 ottobre
(mi-lorenteggio.com) Bollate, 1 ottobre 2014 – “Ho accettato con piacere l’invito rivoltomi dai detenuti del carcere di Bollate a visitare di persona il laboratorio di Arte-Terapia “Arte in carcere, liberi di volare con la fantasia” che si svolge all’interno del secondo reparto maschile della Casa circondariale. Si tratta di un percorso innovativo di arte terapia, steso e seguito dall’Arteterapeuta Luisa Colombo, che ho personalmente promosso e che ha trovato l’adesione del direttore della Casa circondariale e il supporto finanziario del Parlamento della Legalità di Milano, di cui sono il coordinatore culturale.

Il progetto nasce dalla convinzione che la detenzione non possa privare chi vive in carcere dell’opportunità di potersi esprimere. Infatti l’arteterapia, che utilizza l’arte come mezzo aggiuntivo di espressione, integrazione e aggregazione, contribuisce a costituire un’originale ed importante esperienza di relazione dalla quale le persone coinvolte traggono un immediato giovamento. Questa nuova modalità di espressione, inoltre, può favorire un pieno reinserimento lavorativo e sociale del detenuto nella società, scongiurando così l’effetto “porta-girevole”, ovvero il rischio che un detenuto appena scarcerato ritorni subito a delinquere.

Per queste ragioni ho promosso tale iniziativa presso la Casa Circondariale di Bollate e con piacere mi recherò a visitare il laboratorio in corso lunedì 6 ottobre a partire dalle ore 10.


Un cordiale saluto,

Stefano Dambruoso

DA TUTTA ITALIA A ROMA PER DARE IL VIA ALLE INIZIATIVE CULTURALI DEL PARLAMENTO DELLA LEGALITA’

Mai come in questo momento registriamo tanto affetto, impegno, stima e ammirazione in casa Parlamento della Legalità.

Da diverse parti d’Italia – da Novara a Firenze, da Pisa a Roma, da Taranto, a Lecce, dalla Basilicata alla Sicilia…– Uomini e Donne del mondo politico, scolastico, istituzionale, imprenditoriale, ecclesiale e semplici studenti e cittadini fanno arrivare la loro adesione alle iniziative culturali in casa Parlamento della Legalità.

E in questo clima si organizza la giornata dell’8 ottobre quando tutti ci ritroveremo presso la splendida Sala delle Colonne alla Camera dei Deputati per presentare il progetto di ricerca “Il mio Paese è ancora bellezza- MA ho bisogno di TE”.
A moderare i lavori sarà l’autorevole bravura di Adriana Pannitteri, giornalista del TG1 RAI.
Al tavolo della Presidenza tante personalità che verranno salutati dall’On. Maria Greco, deputato, componente della Commissione Giustizia di Montecitorio e componente del Parlamento della Legalità.

Un appuntamento, questo, curato come sempre nei minimi particolari e già noto alla stampa che da mesi segue e ci chiede come si svolgeranno le due ore di lavoro e di confronto in questa convocazione nella Capitale alla Camera dei Deputati.

A tutti un grazie di cuore, un arrivederci e un buon inizio di attività culturali che quest’anno ci vedrà raggiungere non solo tante città d’Italia ma in calendario anche la costituzione di una delegazione del Parlamento della Legalità che raggiungerà Shanghai e New York dove daremo vita a due Ambasciate del nostro movimento.

A tutti un abbraccio di cuore

Nicolò Mannino

interv inter3

Appuntamento alla SALA DELLE COLONNE alle ore 09:30 di mercoledi 8 ottobre 2014

Carissimi Soci e Amici tutti,

Siamo straordinariamente felici delle numerose adesioni pervenute e vi ringraziamo per le significative parole di affetto e di incoraggiamento.

Per rendere ancora più speciale questo meraviglioso appuntamento,  abbiamo pensato di accogliervi in un luogo ancora più comodo e confortevole per tutti.

Vi aspettiamo alla “Sala delle Colonne”

Via Poli, 19 – Roma

Il convegno/dibattito avrà luogo dalle ore 10 alle 12

L’ingresso sarà consentito a partire dalle ore  09:30, muniti di documento d’identità in corso di validità.

Eventuali ulteriori dettagli sono già stati comunicati via mail.
Nel rispetto del luogo istituzionale, chiediamo la vostra preziosa collaborazione nell’utilizzo di un abbigliamento adeguato.
Per gli uomini è richiesto l’utilizzo di un abito, giacca e cravatta.
Per le donne è vivamente consigliato un abito consono.
Arrivederci alla Camera dei Deputati!
Il Segretario Nazionale

SALA

COME ARRIVARE

Dall’aeroporto intercontinentale “Leonardo da Vinci” di Fiumicino:

il Leonardo Express porta direttamente alla Stazione Termini, impiega circa 30 minuti senza fermate intermedie. La tariffa è di 11 euro.

Dalla fermata TERMINI (MA-MB-FS), prendere la linea 175 (PARTIGIANI (FS)) per 7 fermate. Scendere alla fermata TRITONE/FONTANA TREVI. A piedi per 250 metri fino all’arrivo in via Poli.

In alternativa è possibile utilizzare la linea Fiumicino – Fara Sabina (FM1), che ferma in alcune delle principali stazioni di Roma (Tiburtina, Tuscolana, Ostiense, Trastevere) con frequenza: nei giorni feriali ogni 15 minuti e nei festivi ogni 30 minuti. La tariffa è di 5,50 euro. Scendere alla fermata Tuscolana.

Dalla fermata MONSELICE/STAZIONE TUSCOLANA: prendere la linea 85 (S. SILVESTRO) per 17 fermate. Scendere alla fermata LARGO CHIGI. A piedi per 150 metri fino all’arrivo in via Poli.

Dall’aeroporto di CIAMPINO
Una metropolitana leggera collega la stazione ferroviaria di Ciampino con la Stazione Termini in un tempo medio di 15 minuti.

Più di 11 Pullman di giovani studenti per dire NO alla mafia …con il Parlamento della Legalità in Basilicata. Un successo…

Grazie amici…grazie studenti. Grazie Rotary Club Lauria e amministratori tutti.

Grazie a ciascuno di voi che sabato ci ha accolti a Nemoli per condividere una riflessione culturale sul tema “Meritocrazia e Legalità”

Chi dice che cambiare è impossibile? Noi proponiamo un calendario di iniziative dove entusiasmo, impegno, libertà e voglia di “essere vivi” è forte.
Un grazie anche alla stampa che ha raccontato, con onestà e verità professionale, quanto vissuto (vds articoli).
Noi siamo questi e sapendo di avere intorno a  noi un fiume in piena di giovani…certo non molleremo.

Un abbraccio e un Grazie di cuore all’amico, Segretario Nazionale, Giovanni D’Alascio che ha condiviso questo appuntamento stigmatizzando una vera festa condivisa con chi sa che “nessuna notte sarà così lunga da impedire al giorno di ritornare”-

Nicolò Mannino

 

2 - 1 -