Archivio mensileaprile 2015

DiSegretario

Messaggio del Ministro dell’Interno

Messaggio del Ministro dell’Interno in occasione della manifestazione “Pace e Legalità: un binomio per la vita” che si terrà a Lauria (PZ) il 25 aprile 2015

  


DiSegretario

Messaggio del Presidente del Senato

Messaggio del Presidente del Senato in occasione della manifestazione “Pace e Legalità: un binomio per la vita” che si terrà a Lauria (PZ) il 25 aprile 2015

  

DiSegretario

DALLA SICILIA IN BASILICATA PER DIRE NO AL TERRORISMO E ALL’ODIO – IL PARLAMENTO DELLA LEGALITA’ MULTIETNICO IN TRASFERTA A LAURIA (Prov. Potenza) NEL GIORNO DELLA LIBERAZIONE

Tutto è partito dalla splendida Sala Gialla di Palazzo dei Normanni ( sede dell’Assemblea Regionale Siciliana ) , passando dalla sala stampa di Montecitorio ( lo scorso 18 marzo) per poi arrivare al Ministero della Pubblica Istruzione con il confronto voluta dal Ministro Stefania Giannini  e adesso si parte alla volta di Lauria – in provincia di Potenza – per celebrare la Giornata della Liberazione e perchè no anche del riscatto e dire basta alle stragi, all’odio, alle morti facili e scontate nelle acque del mediterraneo e non solo, basta al fratricidio e alla cattiveria, basta a ogni sub cultura che sa di arroganza, mafia, violenza e rancore

. Con queste idee molto chiare il Parlamento della Legalità Multietnico  si prepara a partire per arrivare a Lauria dove ben dieci sindaci e con loro i rispettivi Comuni, insieme ai Rotary club  , il Cif, la Croce rossa e tante altri associazioni , hanno voluto che il Parlamento della Legalità MULTIETNICO E INTERCONFESSIONALE  arrivasse in terra di Basilicata per un confronto, una marcia e un dibattito dove pace e legalità si coniugheranno con il verbo vivere e amare.
 E così Venerdi 24 aprile dallo spiazzale del Teatro Massimo di Palermo un pullman di studenti del “F.Ferrara “, capitanato dal fondatore del Parlamento della Legalità Nicolò Mannino, partirà  traghettando sogni e  e speranze, desideri di giovani che inseguono un futuro dove non deve esserci nessun ombra di guerra e di odio.
 Sul pullman salirà Yosef, che trae le sue origini dalla Giordania, insieme a Uzaima arrivata a Palermo dalle  Mauritius, e poi anche Jerbi ormai ben inserita a scuola ma di origini Tunisia, salirà sul pullman anche  Emmanuel dalla Costa d’Avorio …e con loro tanti giovani della città di Palermo e dei Comuni della Provincia che ogni giorno varcano il portone dell’I.I.S.S. Francesco Ferrara scuola del Capoluogo siciliano che ben conosce il tema dell’integrazione multietnica e dell’accoglienza interconfessionale. Nel bagaglio tutti portano una maglietta gialla con su la scritta “sosteniamo il mondo con l’amore “.

Si parte quindi…con tanta gioia e tanta voglia di portare un messaggio di bellezza e abbracciare chi ci attende e ci offre ospitalità cercando sempre non ciò che ci divide ma ciò che ci unisce.
DiSegretario

Articolo Giornale di Sicilia Ministro Giannini Ambasciatrice del Parlamento della Legalità

Un cammino culturale che ci ha portati al MIUR …e il Ministro dell’Istruzione STEFANIA GIANNINI  dopo una attenta visione e lettura di tanto materiale che documenta un serio e costante impegno culturale a favore dei grandi valori della Vita ha accettato la nomina di Ambasciatrice del Parlamento della legalità Internazionale  e Multietnico.

Tutto questo non è scontato…il successo raggiunto è solo un AMORE incondizionato per i grandi ideali che rendono un’UOMO autentico Ambasciatore di Speranza nel mondo giovanile…e i giovani non vanno mai delusi, usati e barattati…SOLO ACCOLTI E VOLUTI BENE.
Nicolò Mannino
DiSegretario

É IL MINISTRO STEFANIA GIANNINI L’AMBASCIATRICE DEL PARLAMENTO DELLA LEGALITÀ MULTIETNICO- INTERNAZIONALE

Accolti con grande familiarità e gioia al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, lo staff del Parlamento della Legalità Multietnico ha documentato al Ministro Stefania Giannini anni e anni di attività antimafia con tanto di foto, locandine, DvD, segnalibri, attestati, e pubblicazioni, materiale curato con tanta meticolosità da chi ha creduto coerentemente e fortemente che “nessuna notte può essere così lunga da impedire al giorno di ritornare”.

Al tavolo dell’accoglienza e del confronto hanno trovato posto Nicolò Mannino, fondatore e presidente del Parlamento della Legalità, il Segretario Nazionale Dott. Giovanni D’Alascio, il collaboratore di Presidenza Salvatore Sardisco, il coordinatore responsabile per i rapporti Istituzionali Prof. Carlo Pacella, e una significativa delegazione di giovani studenti del “Parlamento della Legalità multietnico” arrivati dalla Sicilia con un dono e un messaggio indirizzato al Ministro Giannini “Non ci lasci soli…Noi crediamo nella cultura della Vita e del Riscatto e sappiamo che lo STATO ci è vicino viste le lettere già pervenuteci dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, dal Presidente del Senato Pietro Grasso (Presidente Onorario del Parlamento della Legalità) del Presidente della Camera Laura Boldrini, dal Capo della Polizia di Stato Alessandro Pansa, e non ultimo dal Premier Matteo Renzi”.

Il Ministro Giannini si è detta contenta del cammino fin qui svolto dal Parlamento della Legalità mentre la Dott.ssa Giovanna Boda contribuiva a precisare “Si questo apprezzato movimento culturale -il Parlamento della Legalità- coinvolge studenti di ogni ordine e grado su tutto il territorio nazionale”.

Tanti doni, foto, sorrisi, entusiasmo e  alla fine il dono/sorpresa. 

Caro Ministro Giannini– ha sottolineato Nicolò Mannino- adesso che sa di noi, e ha in mano tanto materiale che documenta un progetto di ricerca apprezzato già dal Presidente della Repubblica Italiana,  vissuto in Italia a favore di una cultura di Legalità e di Speranza, visto che ci accingiamo con Giovanni D’Alascio, Salvo Sardisco, Carlo Pacella e tantissimi con noi a varcare  i confini Italiani e andare in America, Germania, Albania…ACCETTA LEI LA NOMINA DI AMBASCIATRICE DEL PARLAMENTO DELLA LEGALITA’ MULTIETNICO/INTERNAZIONALE ?”

La risposta arriva tempestiva prima di un lampo a ciel sereno CERTO– dice sorridendo il Ministro Stefania Giannini, accogliendo e indossando la fascia …CREDO IN VOI  E SONO UNA DI VOI…” 
A questo punto la foto di rito è necessaria. Il bravo fotoreporter del Parlamento della Legalità, il giovane Giancarlo La Barbera, immortala l’evento …un ulteriore fatto destinato a rimanere nella storia del Cammino Culturale del Parlamento della Legalità.
   

   

DiSegretario

Strage Kenia… troppo silenzio. Perchè?

Ci sono momenti che il silenzio pesa. Ci sono attimi in cui chi predica poi deve passare ai fatti. Ma intorno sento solo tanto silenzio. Queste immagini, alquanto inquietanti, ci spronano a levare la voce non per gridare bensì per chiedere Verità e Giustizia. E’ impensabile che nel 2015, mentre si parla di Europa, progresso, globalizzazione, qualcuno in nome di un dio…possa uccidere chi professa una fede…anche Cristiana.
In queste ore, tra i banchi di scuola del “F.Ferrara”, studenti di diverse religioni, anche atei e agnostici, stanno mettendo nero su bianco  dando vita e colore a tanti messaggi destinati al Ministro della Pubblica Istruzione Stefania Giannini.
Consegneremo la mega busta mercoledi 15 aprile quando varcheremo la grande porta del Ministero e consegnando il plico che contiene “grida di Verità e di Pace”, chiederemo di farsi portavoce con l’Ambasciatore del Kenia per far arrivare l’abbraccio di tanti studenti ai familiari dei 146 studenti crivellati, assassinati, uccisi per “odio alla fede”.
Ma c’è troppo silenzio…e questo uccide più del piombo e di ogni pallottola.
Come diceva  don Tonino Bello, “Davanti al tribunale di Dio renderemo conto dei nostri Silenzi”.
E i silenzi  chiedono “risposte” davanti a Dio…

 

Nicolò Mannino

 

DiSegretario

SPALANCA LE PORTE ALLA SPERANZA: E’ PASQUA ANCHE PER TE

E’ Pasqua. Le campane del cuore riaccendono il pianto della Gioia. 

Chi aveva ucciso quel povero Cristo adesso farà i conti con la sua coscienza. 

Giuda “il traditore” si è impiccato: non ha retto al rimorso di aver venduto e tradito l’amico che “amava”. Pietro ha pianto tantissimo per aver rinnegato Colui al quale aveva promesso “io per te darei la vita”. 

Al momento della prova la paura fa indietreggiare e tutto ritorna nel silenzio della desolazione. Dio non ragiona così. Lui è l’Amore che annuncia “cieli nuovi e eventi nuovi”. La morte è sconfitta e Cristo mette note di libertà nel cuore di chi ha fede. E’ Pasqua e l’abbraccio vero, semplice, disinteressato e profondo è indirizzato a te. Si a te che sei parte di un progetto di Vita e di Speranza. 

A te che celebri la Pasqua del Risorto, quella che non conoscerà mai più la fine. Come un vento che spazza via ogni polvere e ridà luce e bellezza a ciò che era destinato a rimanere nel dimenticatoio, così questa Pasqua entri nei luoghi più oscuri della tua anime e spazzi via ciò che ti ha rattristito, portato al ripensamento e al pianto. 

E’ Pasqua e lo è pure che te che attendi quella Pace che non conosce tramonto. 

Auguri di cuore.

Nicolò Mannino

  

DiSegretario

​Dentro una Fiat 500 della Polizia di Stato, Cristo muore e Resuscita.

Il Golgota si trasferisce in una cinquecento della Polizia di stato e il suo conducente, il comandante della Polizia Stradale di Caltagirone ne diventa testimone  e annunciatore della fede nel Risorto. 

Stiamo Parlando del “cristiano” Emilio Ruggieri da tempo impegnato anche nel Parlamento della Legalità e che coniuga bene professionalità e fede. 

Uomo di grande spirito di servizio e ottimo interlocutore con i giovani, Emilio Ruggieri ha voluto realizzare lo scenario della Passione e morte di Cristo proprio dentro una Fiat 500 della Polizia di Stato, un forte messaggio di speranza  che annuncia la storia  di tanti poveri cristo che spesso muoio per strada vittime di violenza e indifferenza dove anche la resurrezione non è scontata. 

E Emilio il nostro grazie per essere coerentemente Cristiano a tempo pieno … 

Nicolò Mannino

   

                 

DiSegretario

ECCO come GIOVANNI PAOLO II ci esortava ad andare avanti con “fermezza nell’impegno”. Parole di un Santo

SONO passati ben dieci anni dalla sua morte e sembra ieri. Eppure chi è
coerentemente ambasciatore di Vita non muore mai. Oggi noi lo ricordiamo con affetto e con la preghiera che viene dal cuore, mentre pongo nelle vostre mani un prezioso dono: la lettera inviataci l’8 settembre del 1994 proprio da Giovanni Paolo II il quale, ricevendone una a firma mia
e dei genitori di Agostino Catalano, capo scorta del giudice Paolo Borsellino, entrambi morti quel 19 luglio del 1992, ci invitava a continuare il cammino intrapreso con fermezza.
Parole che oggi, a distanza di  anni, ci spronano a una riflessione:
Sapere che un Papa/Santo benediceva e incoraggiava il cammino cultuale
intrapreso nel dar vita al Parlamento della Legalità.

Condividiamo questa esortazione e oggi più che mai dobbiamo avere la certezza di saperci accanto Uomini come Giovanni Paolo II che da subito, raccogliendo il pianto dei genitori di Agostino Catalano e il mio appello di “benedire” quanto nasceva…ci permette di non mollare e andare avanti con zelo, impegno, dedizione e determinazione.

fraternamente vostro Nicolò Mannino

   

 

DiSegretario

Il Capo della Polizia Alessandro Pansa incoraggia il cammino del Parlamento della Legalità

Dopo i messaggi del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, del
Presidente del Senato Pietro Grasso, del Presidente della Camera  dei Deputati Laura Boldrini, del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della ricerca Stefania Giannini, anche il Capo della Polizia di Stato riconosce la validità dell’aspetto educativo nel “promuovere l’educazione civica e della cultura della legalità, in particolare tra i giovani come solide e necessarie basi del vivere civile all’interno della collettività” del Parlamento della Legalità.
Il messaggio arriva in occasione del conferimento del Premio Memorial Rocco Chinnici consegnato a Palermo alla presenza del figlio del fondatore del pool antimafia, Giovanni Chinnici mentre Caterina  (madrina del Parlamento della Legalità) dal Parlamento Europeo ha fatto pervenire un bellissimo saluto in
video conferenza.
Questi incoraggiamenti -dice Nicolò Mannino– non sono scontati, anzi ci spronano a fare sempre più il nostro
dovere di cittadini indicando ai giovani una libertà che sa di sacrificio perchè altri con la vita ce l’hanno conquistata. Sapere che lo stato ci è vicino e segue passo passo il nostro cammino ci dà forza e ci aiuta a debellare tutto ciò che sa di pessimismo e di cultura dell’indifferenza certi che la vera rivoluzione inizia sempre da se stessi”.

  

HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com