SOSTA DAVANTI LA FIAT CROMA DOVE MORIRONO CON GIOVANNI FALCONE I TRE UOMINI DELLA SCORTA

PESCHIERA DEL GARDA
DAVANTI LA SCUOLA DELLA POLIZIA DI STATO QUESTA MACCHINA ACCARTOCCIATA. QUI MORIRONO VITTIME DELLA MAFIA E DEL TRITOLO DEL “SILENZIO E DELLA CONNIVENZA”: VITO SCHIFANI, ROCCO DI CILLO, ANTONINO MONTINARO.
UNA SOSTA, UNA PREGHIERA, UN TORNARE INDIETRO A QUEL 23 MAGGIO 1992. SE OGGI CONTINUIAMO A PORTARE AVANTI UN MESSAGGIO DI VERITA’ E GIUSTIZIA, E’ PROPRIO PERCHE’ TANTI HANNO GIA’ DATO LA VITA PER I GRANDI IDEALI. NON DIMENTICHIAMOLI, NON AZZERIAMO IL LORO SACRIFICIO, DIAMO VOCE A CHI HA PAGATO CON LA VITA UNA CULTURA DI RISCATTO.
NOI -PARLAMENTO DELLE LEGALITA’ INTERNAZIONALE- CI STIAMO PROVANDO RIPARTENDO DALLA SCUOLA E DAI BAMBINI.
LO FACCIAMO CON AMORE, CON QUEL SORRISO CHE ALIMENTA OGNI PAROLA CHE SA DI PACE E DI GIUSTIZIA.

Nicolò Mannino

FullSizeRender (2)

FullSizeRender (3)

FullSizeRender (4)

I COLORI DELLA GIOIA NELLA SALA GIALLA DELL’ARS

LA FESTA DELLA VITA OLTRE I COLORI DELLA PELLE. SI ALLA GIOIA NO AL TERRORISMO.

IL PARLAMENTO DELLA LEGALITA’ INTERNAZIONALE ENTRA IN SCENA CON TANTI MESSAGGI, SLOGAN E SOPRATTUTTO UN RINNOVATO IMPEGNO CULTURALE PER GRIDARE ALLA VITA CONTRO OGNI FORMA DI VIOLENZA.

 

Carini, “il linguaggio della legalità” all’istituto Laura Lanza (video)

Watch video!

Giorno 20/11/2015 incontro con il comune di Carini, I.C.S. Laura Lanza, Parlamento della Legalità Internazionale.
Presenti gli altri plessi scolastici della città di Carini.

“Il Linguaggio della Legalità attraverso i banchi di scuola”

Nicolò Mannino e Salvatore Sardisco

Articolo completo su

http://www.teleoccidente.it/wp/2015/11/20/carini-il-linguaggio-della-legalita-allistituto-laura-lanza-video/

 

“PER CONTINUARE A NON DIMENTICARE ” con COSIMO MARIA FERRI E NICOLO’ MANNINO a MOZZECANE

La Comunita’ cittadina di Mozzecane (Prov. Verona) si prepara a un grande appuntamento culturale per dire basta  ad ogni forma di sub cultura di morte e SI alla vita.
Giovedi 26 novembre saranno accolti dal primo cittadino Thomas Piccinini, il magistrato Cosimo Maria FERRI, Sottosegretario di Stato alla Giustizia e il prof. Nicolò MANNINO fondatore e presidente del Parlamento della Legalità
Internazionale.
Tantissimi cittadini -a dire del sindaco Piccinini- in queste ore stanno inviando la loro adesione al Convegno “Per continuare a Non dimenticare” giunto alla sua nona edizione e che anche gode anche del patrocinio del Parlamento della Legalità Internazionale.
Si tratta di un appuntamento già voluto e ben strutturato da una comunità che in provincia di Verona e non solo riesce a richiamare tanti amministratori, imprenditori, gente semplice, studenti, giovani, personalità del mondo ecclesiale da diversi paesi.
I due relatori, Cosimo FERRI e Nicolò MANNINO sapranno offrire tutti quegli spunti e proporre strategie di convivenza civile in rispetto dei principi della nostra Costituzione Italiana per dire un forte NO alla cultura del terrorismo e di tutte le mafie e SI alla Vita  ricca di grandi valori quali la giustizia, la fratellanza, la solidarietà e l’impegno per un presente più vero.

 IMG_1208

Je t’aime, Paris. Je pleure, Paris.

Esprimiamo il nostro commosso cordoglio al popolo francese. Parigi si risveglia, ancora una volta, sanguinante e sfregiata. Una città simbolo di cultura, che profuma di Europa e libertà, profanata e colpita duramente al cuore. 

Le gialle foglie cadute sui boulevard sono impregnate di sangue e di dolore, come i corpi innocenti che gridano vendetta.

Mentre tutto ciò sconvolge le nostre anime, le istituzioni europee assistono attonite, incapaci di ritrovare le energie perdute. Chissà se nei piani alti dell’Unione, dove si amministrano mercanzie e si fanno affari con tutti, anche con gli Stati che armano i terroristi, qualcuno avverte dentro di sé la responsabilità di quanto è accaduto.

La pace, la democrazia e la libertà sono conquiste laboriose che implicano necessariamente uno sforzo comune, a partire da sane politiche di integrazione e condivisione di valori sociali e culturali.

La nostra speranza è che non si cada nella trappola dell’odio e della discriminazione, finendo col generalizzare astrattamente un popolo, un’etnia o peggio una religione.

Parigi non sarà mai più la stessa, la paura ha portato via le speranze e le promesse mai mantenute, con le menzogne e le ipocrite rassicurazioni di politicanti improvvisati. 

Aspettando che la rabbia si consumi lentamente, siamo tutti chiamati a riflettere, senza far troppo rumore, soprattutto per rispetto dei tanti, troppi fratelli, che in una normale serata di venerdì di Novembre, hanno incontrato crudelmente la morte, sotto il fuoco di efferati criminali avvezzi a profanare il nome di Dio.