Il Generale Sperotto alla giornata della legalità con le Scuole Betteloni di Verona

Intervento del Comandante delle Forze Operative Terrestri di Supporto, Generale di Corpo d’Armata Amedeo Sperotto

Il Comandante delle Forze Operative Terrestri di Supporto, Generale di Corpo d’Armata Amedeo Sperotto, ha preso parte alla giornata dedicata alla legalità che si è svolta nel circolo unificato  di Castelvecchio alla presenza del Sottosegretario di Stato alla Difesa, Onorevole Domenico Rossi, del sindaco di Verona, Flavio Tosi e del Prefetto, Salvatore Mulas.

Il Generale Sperotto ha ricevuto dal “Parlamento della legalità internazionale” un attestato di riconoscimento rivolto all’Esercito Italiano, per aver messo in atto il protocollo MIUR – Ministero Difesa, e un attestato di riconoscimento personale per aver avvicinato le nuove generazioni al Comando delle Forze Operative Terrestri di Supporto.

Consegna dell’attestato al Gen. Sperotto

Gli alunni delle classi medie e superiori rappresentanti le scuole di Verona hanno eseguito brani musicali, recitato poesie e ricordato quanti hanno sacrificato la vita per la lotta alla mafia.

Intervento del Sottosegretario di Stato alla Difesa, Onorevole Domenico Rossi

Il Sottosegretario Rossi,  rivolgendosi ai giovani, ha detto:  “Già alla vostra età siete chiamati a fare delle scelte, tenete gli occhi aperti e pensate a cosa potete fare, ogni giorno, per sostenere la legalità”.

Riccardo Scarciglia, CPS Verona, ringrazia Nicolò Mannino

Il giorno 14 Febbraio 2017 ho avuto l’onore di conoscere due persone  che stanno dando il cuore e l’anima per l’Italia e non solo, grazie all’evento organizzato dalla dottoressa Anna Lisa Tiberio, referente dell’Ufficio Scolastico di Verona.

Foto L. Zamperetti: Platea presente alla giornata del Parlamento della Legalità Internazionale

Il presidente del Parlamento della Legalità Internazionale Nicolò Mannino e l’onorevole sottosegretario alla Difesa Domenico Rossi.

Giornata molto toccante, forse il luogo quale Circolo Unificato degli Ufficiali di Castelvechio, forse  l’armonia che ho percepito dal professor Mannino o semplicemente dalle parole che andavano a toccare direttamente le corde dell’anima e dei cuori di tutti gli studenti presenti.
Le parole e le frasi del Presidente Mannino hanno fatto commuovere tutti i ragazzi, lacrime di gioia, di libertà, di felicità, di forza, ma soprattutto non erano le classiche parole e frasi fatte, ridette e noiose; ma frasi sincere e dirette.

Da lì ho capito realmente chi avevo davanti, un Professore che sta dando la vita, per portare avanti quei valori che si erano tramutati in “polvere da soffitta”, dimenticati da tutti e messi da parte.

Foto L.Zamperetti: CPS VR. sindaco Flavio Tosi, presidente Nicolò Mannino e il prefetto Salvatore Mulas

Il Presidente Mannino è riuscito ad attirare l’attenzione ed il silenzio, non solo delle autorità, ma anche di tutti i ragazzi che erano incantati in una specie di magia creata dalle sue semplici parole, e dal quel vortice che, anche se avessi voluto, non sarei stato in grado di spezzare quella forza gravitazionale creata dalle parole che mi toccavano direttamente il cuore.

Mi ha colpito la sua frase che diceva: “Non sei un pollo, ma sei un’aquila, quindi vola in alto e sii libero”. Frase semplice ma piena di significato, quel valore tanto perso da noi ragazzi che ci facciamo condizionare, trasportare e comprare da tutto e da tutti.

Dobbiamo essere liberi nella vita, non dobbiamo avere rimpianti per cose non fatte ma dobbiamo guardare avanti nonostante tutto quello che ci viene contro. Grazie a lui ho imparato a riconoscere i veri valori della vita e ho cominciato a vivere veramente. Per questo ringrazio questo Grande Uomo dal cuore immenso seppur di dimensioni uguali a tutti. Ma come ha detto lui, bisogna guardare fino in fondo, mai con superficialità.

Ho ascoltato il suo consiglio di uscire da quelle mura solamente dopo aver perdonato me stesso e tutte le mie azioni sbagliate fatte fino a quel momento, perché essere in grado di perdonare sé stessi, è un grande atto di forza interiore e umiltà.

Questo era il vero obbiettivo di Nicolò Mannino, far emanare dalle nostre anime l’umiltà che è in noi.

Foto L.Zamperetti: CPS VR. sindaco Flavio Tosi, presidente Nicolò Mannino e il prefetto Salvatore Mulas

Obbiettivo sottolineato anche dal sottosegretario Domenico Rossi il quale ha detto: “ Già nella vostra età siete chiamati a fare delle scelte, tenete gli occhi aperti e pensate a cosa potete fare,ogni giorno, per sostenere la legalità”.

Chiunque sia la persona da aiutare, in qualsiasi situazione essa sia, aiutiamola perché anche un semplice gesto, ci rende il futuro migliore e la vita di questa persona più Vera e leale.

 

Riccardo Scarciglia