Archivio mensile novembre 2017

DiPietro Dragone

Il messaggio del Procuratore di Foggia a Nicolò Mannino

L’Istituto FEDERICO II di Apricena si è riunito al Rotary Club San Severo per promuovere la legalità.

L’evento promosso dal Rotary Club San Severo – Distretto 2120 Puglia e Basilicata è stato incentrato sul tema “L’indifferenza degli onesti alimenta il potere dei disonesti”. La conferenza-dibattito si è svolta sabato 11 novembre 2017 presso l’I.I.S.S. Federico II auditorium “Studenti per Sempre” di Apricena.

A presiedere la manifestazione il Dott. Alessandro Specchiulli, Presidente Rotary Club San Severo; a moderare, l’Avv. Gaetano Giglio, Vice Presidente Rotary Club San Severo.

In sala presenti l’Ing. Antonio Potenza, Sindaco di Apricena, l’ Avv. Francesco Miglio, Sindaco di San Severo e Presidente della Provincia di Foggia, il Prof. Rocco D’Avolio, Dirigente Scolastico IISS “FEDERICO II”, il Prof. Giuseppe Di Sipio, Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Torelli – Fioritti e il Dott. Salvo Sardisco, Vice Presidente del Parlamento della Legalità Internazionale.

Un momento della manifestazione

I relatori della mattinata sono stati il Dott. Antonio Laronga, Procuratore Aggiunto Procura della Repubblica c/o Tribunale di Foggia e la Prof.ssa Angela Procaccino,

docente di Diritto Processuale Penale, Dip. Giurisprudenza UNI FG. Relaziona anche il Prof. Nicolò Mannino, Presidente del Parlamento della Legalità Internazionale.

In particolare la manifestazione è stata proficua e ricca di interventi coerenti con il tema della legalità ed improntati in quanto a pragmaticità intesa alla risoluzione del “problema illegalità”.

Il Dott. Antonio Laronga, Procuratore Aggiunto della Repubblica di Foggia in un messaggio, frutto dell’evento, ha scritto al Professore Mannino, ricordando che “mancherei ad un sacro dovere di gratitudine se, a conclusione delle conversazioni sulla legalità svolte l’11 novembre con gli studenti del liceo scientifico di Apricena (FG), non avvertissi il bisogno di esternarle il mio compiacimento per il suo appassionato e coinvolgente intervento diretto a promuovere i valori di legalità e giustizia in una comunità duramente colpita da crimini efferati commessi nel corso di quest’anno”.

“Il contrasto alle forme di illegalità – ha proseguito il Dott. Laronga – ed alle organizzazioni criminali passa necessariamente anche attraverso l’azione culturale svolta da associazioni come il “Parlamento della Legalità Internazionale”, cui va la mia stima e riconoscenza”.

Alla fine del suo messaggio il Presidente Mannino accoglie l’augurio “che queste poche, ma sincere, parole possano contribuire ad alimentare vieppiù la passione civile che anima la vostre iniziative”.

Noi sentiamo che è così e che oggi, sempre di più, il fervore e la determinazione nella lotta alla mafia e alle mafie, è in continua crescita.

DiPietro Dragone

A Montecitorio il Parlamento della Legalità Internazionale inaugura l’Anno Accademico

Si è svolta ieri, a Montecitorio presso la Sala dei Gruppi Parlamentari, la manifestazione nazionale per l’inaugurazione dell’Anno Accademico del Parlamento della Legalità Internazionale (d’ora in avanti PdLI) che ha coinvolto autorità dello Stato e amici e componenti del movimento culturale antimafia di tutta Italia.

La manifestazione ha visto la presenza del presidente del PdLI, il Prof. Nicolò Mannino, dell’On. Renata Polverini e del procuratore della Repubblica, il Dott. Vittorio Russo insieme al vicepresidente, il Dott. Salvatore Sardisco che ha aperto i lavori presso l’aula dei Gruppi Parlamentari.

Il Dott. Sardisco apre i lavori

Hanno risposto alla chiamata del presidente del PdLI, il Prof. Nicolò Mannino molti studenti, dirigenti scolastici, imprenditori, uomini delle forze dell’ordine, sindaci, amministratori e artisti. Sono giunti a Montecitorio da diverse città d’Italia. “Essere presenti oggi – ha detto il Prof. Mannino – in un luogo di alto prestigio culturale è senz’altro motivo di incoraggiamento per noi. Significa che stiamo lavorando bene”.

Da diverse parti d’Italia, da Novara a Firenze, da Pisa a Roma, da Taranto a Lecce, dalla Basilicata alla Sicilia, a Montecitorio si sono ritrovati tutti gli amici del Parlamento della Legalità Internazionale che in questi anni hanno accolto profondamente dentro di se il messaggio di amore e speranza trasformandolo in concrete azioni sociali.

“Mai, come in questo momento, registriamo tanto affetto, impegno, stima e ammirazione” commenta il presidente. Un ringraziamento particolare all’On. Polverini per aver aiutato nella riuscita dell’evento presso Montecitorio. “Non siamo una associazione partitica – ha ribadito Mannino – ma è giusto ringraziare chi tiene a cuore i valori della legalità”. E come ricordava anche il Magistrato Russo, “i valori, non sono una caratteristica partitica, ma appartengono alla nostra Costituzione”.

L’iniziativa ha avuto il merito di coinvolgere i giovani, che in tutta Italia si sono impegnati in progetti di cittadinanza attiva, al fine di rendersi sempre più responsabili della vita sociale e politica del nostro Paese. “Abbiamo il dovere – ha spiegato nel suo discorso il Procuratore Russo –  di insegnare, difendere e promuovere questi valori e di dimostrare con azione concrete il nostro essere cittadini onesti e testimoni dei valori assoluti e inviolabili, che trovano la loro più alta espressione nella Carta Costituzionale”.

Il presidente, prof. Nicolò Mannino, il vicepresidente Salvo Sardisco, l’On. Renata Polverini e ilo procuratore della Repubblica, il Dott. Vittorio Russo.

Durante l’inaugurazione sono stati consegnati importati riconoscimenti e nomine di “socio onorario” a personalità del mondo sociale, istituzionale e anche cinematografico; inoltre sono stati firmati protocolli d’intesa con l’associazione, tra cui quello con A.I.O.S. Protezione Civile.

Al Procuratore Capo della Repubblica al Tribunale di Lagonegro, Vittorio Russo, è stato consegnato il Premio Memorial “Carlo Alberto Dalla Chiesa”. L’estate 2017 è stata caratterizzata da una lunga scia di incendi che hanno interessato, purtroppo, anche il Vallo di Diano ed il Golfo di Policastro e il Procuratore Russo è stato impegnato insieme alle nostre Forze dell’ordine per cercare di salvaguardare un territorio bellissimo che è stato deturpato dalla mano dell’uomo. Per questo motivo Vittorio Russo ha anche ricevuto il Premio “Terra Felix” all’ultima edizione del Caselle Film Festival che rappresenta un impegno ulteriore a continuare il suo prezioso lavoro nella difesa dell’ambiente.

Alla Dott.ssa Ing. Levi-Montalcini è la nipote del Premio Nobel per la medicina Rita Levi-Montalcini, anch’essa presente ieri, è stato consegnato il Premio Memorial “Rita Levi-Montalcini”. “Sono contenta – ha dichiarato la Levi-Montalcini – che ci si impegni ancora a favore della legalità e che si combattano le mafie con la cultura”. In rappresentanza dall’associazione che porta avanti il nome della sua famiglia, l’Ing. Piera Levi-Montalcini è molto impegnata a portare gli insegnamenti della zia nelle scuole e tra i ragazzi. Con una particolare predilezione per le giovani studentesse, che “non devono farsi condizionare dalle differenze di genere e puntare in alto con i propri sogni”. Seguendo così l’esempio della “zia Rita”.

Nominato collaboratore di presidenza per il cinema, l’attore e regista Francesco Apolloni. Come regista ha dimostrato la sua grande sensibilità sociale, realizzando campagne contro la droga, con la Comunità di San Patrignano (anch’essa ieri presente con il PdLI) e a favore della ricerca per la lotta contro il cancro.

Francesco Apolloni

Ed è qui, ma non solo, che la sua strada e la sua sensibilità rivolta nei confronti del prossimo, si incontra con quella del Parlamento della Legalità Internazionale che da anni è stata presente per dare una speranza a chi soffre.E sempre per questo motivo verrà a lui conferito il premio “Il cinema per la vita”. “Sono veramente felice – ha dichiarato il regista romano – di ricevere questo premio così prestigioso. Lo sono prima di tutto perché lo ricevo in una città come Palermo, una città che ho sempre amato per la sua bellezza e perché nonostante le difficoltà e tragedie non ha mai smesso di lottare”.

Un momento di grande commozione e dolore è stato quello in cui si è ricordato il piccolo Giovannino, sottratto ai suoi genitori dopo quattro giorni dalla sua nascita da un errore medico che non doveva essere fatto. Nel suo nome e insieme ai genitori, ieri sono state inaugurate diverse ambasciate del movimento sul territorio nazionale.

Al termine della manifestazione sono state anche riconfermate le nomine dei Coordinatori Culturali Nazionali e Regionali che in questo anno accademico si sono impegnati e spesi per portare il messaggio del movimento culturale in ogni parte d’Italia, conformemente a quelli che sono i valori statutari dell’associazione antimafia.

Se crediamo che un mondo migliore è possibile, che vale la pena mettersi in gioco per una cultura di vita, se abbiamo sentito il pianto dei poveri e il grido di disperazione di chi è nell’indifferenza, allora accogliamo questo invito “indirizzato non alla carica – sottolinea Mannino – che rivesti o alle etichette che spesso si scollano con il tempo, ma  rivolgo alla tua persona questo invito per essere insieme a credere che “nessuna notte può essere cosi lunga da impedire al giorno di ritornare”.

“E quest’alba di luce e di bellezza desidero vederla sorgere con te che hai un cuore umano” ha concluso il presidente Nicolò Mannino.

HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com