Caro Giovanni, perdonaci…

DiPietro Dragone

Caro Giovanni, perdonaci…

Danneggiato il busto marmoreo del magistrato Giovanni Falcone. La notizia fa il giro del mondo non in ottanta giorni ma in poco meno di un secondo. Indignazione, rabbia, sgomento.

Dai “Palazzi” del potere sbucano commenti, la gente incredula si affida ai TG che sbattono sul video quella testa che sta tra le mani di chi vuole dire al mondo “Perché tutto questo? Perché questo scempio? Perché l’avete ancora ucciso dopo che diversi l’hanno fatto venticinque anni fa?”- La gente si indigna e non ci crede proprio. Urla vendetta e provvedimenti dimenticando quanto ci sta dietro il sipario della “teatralità”.

La mafia non si annienta con slogan e lunghe pagine di relazioni noiose e tristi proclamati nei convegno tra amici degli amici, non si frantuma con programmi e microfoni, assolutamente  no.

Oggi più che mai occorre unità, iniziare a fare sul serio senza avvelenare pure l’aria che si respira. La lotta alla violenza, alle mille sfaccettature di mafia deve essere un modo di essere , un impegno con la propria coscienza e verso il sangue versato dai nostri concittadini divenuti “eroi” per aver portato a termine fino alla fine la loro missione.

Quella testa di Giovanni staccata  e buttata a terra proprio davanti la scuola, continua a gridare “Verità e Giustizia”. Non vi è nessuna differenza tra chi ha messo il tritolo per uccidere il suo corpo e chi ha distrutto il busto staccando via la testa.

Siamo dinnanzi a criminali che fanno quel che vogliono e quando vogliono.

Credo che sia giunta l’ora di dar vita a una seria analisi e iniziare o continuare a credere che gli onesti esistono e i buoni ci cono. Si è vero, sono sfiduciati perché si accorgono che la corruzione, l ‘indifferenza, la logica mafiosa delle raccomandazioni dilaga sempre più… ma è pur vero che tanti bambini, tanti giovani, diversi adulti non hanno niente a che vedere con la logica di morte, con l’affarismo e la cattiveria , con l’arroganza e la vendetta.

Caro Giovanni, figlio di questa terra e di questa Patria che spesso litiga per poltrone assurde dimenticando chi giace per terra ed elemosina un pezzo di pane…

Caro Giovanni, figlio di questa Nazione dove ancora la logica del silenzio e delle raccomandazioni gratuite è pane quotidiano…

Caro Giovanni figlio di questa Palermo che si prepara a divenire città della Cultura mentre a te portano via la testa…

Caro Giovanni, Uomo libero e coerentemente vero, PERDONA questo gesto, ridacci quel coraggio che tante volte viene meno e anche se ci sei rimasto male ricorda che noi, quelli della ferialità e del giorno dopo la strage ti vogliamo un bene… da morire. Te lo diciamo col cuore in mano…

Credici….

I tuoi giovani, i tuoi amici del Parlamento della Legalità Internazionale.

                          Prof. Nicolò Mannino

                                 Presidente
             “Parlamento della Legalità Internazionale”

Info sull'autore

Pietro Dragone administrator

Condivisioni
HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com