Category Archive Prima Pagina

DiPietro Dragone

I Convegno Nazionale: Migliaia di giovani da tutta Italia radunati per dire NO alle mafie

Sono numerossissimi gli amici del Parlamento della Legalità Internazionale che da tutte le regioni d’Italia stanno manifestando la loro volontà di partecipare al primo convegno della storia del nostro movimento culturale che si terrà nelle due giornate dell’8 e del 9 settembre presso la città di Monreale.

Ci giunge notizia che migliaia di giovani studenti e ragazzi – un vero assedio! –  stanno prenotando pullman dalla Lombardia, dal Veneto, dalla Puglia, dalla Campania e da ogni regione italiana aderente al Parlamento della Legalità Internazionale, per poter raggiungere quello che si prefigura come un primo colorato e gioioso raduno nazionale di quanti non smettono, nonostante tutto, di credere nel riscatto dalla prepotenza e dalla corruzione.

In questi giorni il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, tramite una chiamata, ci ha fatto pervenire il suo sostegno e la sua vicinanza al nostro progetto, dicendosi contento del Convegno Nazionale e appoggiandoci pienamente per “fare squadra” contro il fenomeno mafioso.

Anche il Presidente del Senato, nonché Presidente onorario del Parlamento della Legalità Internazionale, l’On. Pietro Grasso si è vivamente complimentato dimostrando la sua sensibilità verso le tematiche della lotta alle mafie al fianco delle nuove generazioni.

L’evento, sino ad ora, si fregia dell’alto patrocinio della Camera dei Deputati e della presenza dell’Arcivescovo di Monreale, Mons. Michele Pennisi, guida spirituale del Parlamento della Legalità Internazionale e Componente della Commissione della Giustizia e della Pace in Vaticano.

Per la realizzazione concreta dell’organizzazione, fondamentale si sta dimostrando l’impegno del vice presidente Salvo Sardisco, animato dalla passione per la lotta alla mafia che da anni caratterizza questo pilastro granitico del movimento.

Il cuore del Convegno sarà il Centro di Spiritualità della Diocesi di Monreale “Centro Maria Immacolata” a Poggio San Francesco. Lì, da tutto il territorio nazionale, perverranno gli amici e aderenti del Parlamento della Legalità Internazionale, guidati dai coordinatori culturali regionali, per riflettere sul tema “Coerentemente liberi”.

Il nostro movimento ha intrapreso ormai da anni un cammino culturale vissuto appieno in tutta Italia e specialmente nel mondo scolastico e del volontariato. “Abbiamo accolto – ha dichiarato il prof. Mannino – tantissimi giovani e non, che credono in una cultura di speranza e di riscatto per il nostro Paese. Vogliamo rilanciare questa nostra Italia partendo dai grandi valori della vita come Legalità, Fraternità, Solidarietà e Accoglienza, è giunto il momento di confrontarci e dare vita a un Raduno Nazionale.”

Nicolò Mannino e Pino Nazio a Montecitorio lo scorso 5 giugno

Durante le giornate saranno presentate le linee guida del progetto formativo culturale da vivere nell’Anno Accademico 2017 – 2018.

Infine, come coronamento culturale del percorso di quest’anno, ci sarà la presentazione del libro “Io non c’ero” scritto a quattro mani dal nostro presidente Nicolò Mannino e dal giornalista Rai Pino Nazio, che in quest’anno ha collaborato a più riprese con la nostra associazione.

Parte fondamentale del libro è dovuta alla collaborazione dei nostri studenti delle diverse regioni d’Italia, che pur non avendo conosciuto personalmente Giovanni Falcone e Paolo Borsellino esprimono – in semplicità di cuore – le loro considerazioni e riflessioni.

Il testo è arricchito dalla prefazione del Ministro della Giustizia Andrea Orlando. Hanno assicurato la loro presenza diverse personalità del mondo socio – politico – istituzione e principalmente la società civile e i giovani che seguono con entusiasmo il cammino culturale del nostro movimento.

Pietro Dragone

DiPietro Dragone

ECCO COSA PENSANO DI FALCONE E BORSELLINO I NOSTRI STUDENTI ITALIANI…

I nostri giovani sono svegli. attenti e puntano il dito verso una subcultura di morte.

Non ci stanno al gioco del  massacro e chiedono “Verità E Giustizia”.

Loro non erano nati e già diversi”UOMINI E DONNE  “davano la vita per la democrazia”.

Risvegliamo le coscienze sentendo cosa chiedono i nostri studenti e come è possibile cambiare le regole di un gioco spesso diabolico.

Questo testo ne raccoglie sogni e speranze e va indubbiamente condiviso con chi è coerentemente vero e non ha un prezzo nel mercato dell’usa e getta”.

Noi ci crediamo.

 

                          Prof. Nicolò Mannino

                                 Presidente
             “Parlamento della Legalità Internazionale”
DiPietro Dragone

Caro Giovanni, perdonaci…

Danneggiato il busto marmoreo del magistrato Giovanni Falcone. La notizia fa il giro del mondo non in ottanta giorni ma in poco meno di un secondo. Indignazione, rabbia, sgomento.

Dai “Palazzi” del potere sbucano commenti, la gente incredula si affida ai TG che sbattono sul video quella testa che sta tra le mani di chi vuole dire al mondo “Perché tutto questo? Perché questo scempio? Perché l’avete ancora ucciso dopo che diversi l’hanno fatto venticinque anni fa?”- La gente si indigna e non ci crede proprio. Urla vendetta e provvedimenti dimenticando quanto ci sta dietro il sipario della “teatralità”.

La mafia non si annienta con slogan e lunghe pagine di relazioni noiose e tristi proclamati nei convegno tra amici degli amici, non si frantuma con programmi e microfoni, assolutamente  no.

Oggi più che mai occorre unità, iniziare a fare sul serio senza avvelenare pure l’aria che si respira. La lotta alla violenza, alle mille sfaccettature di mafia deve essere un modo di essere , un impegno con la propria coscienza e verso il sangue versato dai nostri concittadini divenuti “eroi” per aver portato a termine fino alla fine la loro missione.

Quella testa di Giovanni staccata  e buttata a terra proprio davanti la scuola, continua a gridare “Verità e Giustizia”. Non vi è nessuna differenza tra chi ha messo il tritolo per uccidere il suo corpo e chi ha distrutto il busto staccando via la testa.

Siamo dinnanzi a criminali che fanno quel che vogliono e quando vogliono.

Credo che sia giunta l’ora di dar vita a una seria analisi e iniziare o continuare a credere che gli onesti esistono e i buoni ci cono. Si è vero, sono sfiduciati perché si accorgono che la corruzione, l ‘indifferenza, la logica mafiosa delle raccomandazioni dilaga sempre più… ma è pur vero che tanti bambini, tanti giovani, diversi adulti non hanno niente a che vedere con la logica di morte, con l’affarismo e la cattiveria , con l’arroganza e la vendetta.

Caro Giovanni, figlio di questa terra e di questa Patria che spesso litiga per poltrone assurde dimenticando chi giace per terra ed elemosina un pezzo di pane…

Caro Giovanni, figlio di questa Nazione dove ancora la logica del silenzio e delle raccomandazioni gratuite è pane quotidiano…

Caro Giovanni figlio di questa Palermo che si prepara a divenire città della Cultura mentre a te portano via la testa…

Caro Giovanni, Uomo libero e coerentemente vero, PERDONA questo gesto, ridacci quel coraggio che tante volte viene meno e anche se ci sei rimasto male ricorda che noi, quelli della ferialità e del giorno dopo la strage ti vogliamo un bene… da morire. Te lo diciamo col cuore in mano…

Credici….

I tuoi giovani, i tuoi amici del Parlamento della Legalità Internazionale.

                          Prof. Nicolò Mannino

                                 Presidente
             “Parlamento della Legalità Internazionale”
DiPietro Dragone

Potete distruggere la statua di Falcone, ma a noi rimane la Memoria!

Il Parlamento della Legalità Internazionale denuncia il grave crimine commesso contro la memoria del giudice Giovanni Falcone a pochi giorni dall’anniversario della strage di via d’Amelio avvenuta il 19 luglio 1992.

E’ stata vigliaccamente distrutta la statua di Giovanni Falcone che si trova davanti alla scuola Falcone-Borsellino di via Pensabene, nel quartiere Zen di Palermo. Alla statua è stata staccata la testa e un pezzo del busto usati poi come ariete per sfondare una vetrata di ingresso della scuola.

Nel 2010 era accaduto un fatto analogo: la mattina del 17 luglio una pattuglia di carabinieri avevano scoperto che le statue in gesso dei due giudici, posizionate 24 ore prima nel centro della città, in via Libertà, nei pressi del teatro Politeama, erano state danneggiate. E a poche ore dal ritrovamento, in varie parti della città erano stati strappati manifesti e locandine che pubblicizzavano la tradizionale fiaccolata in memoria di Paolo Borsellino.

comunicato del PdLI per il vile gesto

In questo momento siamo idealmente al fianco della famiglia e di tutte le famiglie e i siciliani e gli italiani colpiti dalla violenza di queste belve che agiscono di nascosto, al buio, e sosteniamo il Presidente del Consiglio nel suo pensiero. Oltraggiare la memoria di Falcone è una misera esibizione di vigliaccheria.

Il nostro sostegno e la nostra solidarietà va interamente alla figura del giudice Falcone che con la sua vita ha dimostrato ai vigliacchi che hanno aggredito la sua statua, che non fanno più paura e che posso essere sconfitti!

Agli autori del gesto infame: pentitevi e abbiate il coraggio di essere veri uomini! Uomini come uomo era e sarà per sempre Giovanni Falcone (nonostante i vostri pietosi tentativi di cancellarne la memoria).

Quest’anno ricorrono i 25 anni dalle stragi in cui persero la vita i due magistrati simbolo della lotta a Cosa nostra: il 23 maggio ricorreva l’anniversario della strage di Capaci, in cui perse la vita Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e tre agenti della scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro.

Noi non abbiamo paura! Potete abbattere tutte le statue che volete, siete solo ridicoli.

Noi abbiamo la  Memoria!

Pietro Dragone

DiPietro Dragone

Festa dell’Europa – Palermo 9 maggio 2017

Ecco il link al canale Youtube del PON Infrastrutture e Reti del MIT con il video e i ringraziamenti al Parlamento e ai ragazzi della scuola  IISS. F. Ferrara di Palermo dove ha sede il Parlamento della Legalità Internazionale e Multietnico.

Diversi studenti e studentesse intervistati da anni seguono , con impegno e zelo, un cammino culturale da noi proposto e da loro condiviso con entusiasmo e gioia. Diffondiamolo, facciamolo conoscere per dire che i nostri adolescenti e giovani sono persone meravigliose che se “per fortuna ” sul loro cammino incontrano “poche maschere e più volti e tanti cuori” la loro vita  sarà meravigliosa e stupenda e il loro presente sempre più ricco di esperienze al positivo.

I nostri giovani sono la sintesi di un processo educativo che i “grandi ” hanno loro dato: sentiteli parlare in questo video…sono veri, autentici e propositivi. Il Parlamento della Legalità Internazionale e anche Multietnico come lo è al “F.Ferrara ” di Palermo, vuole proporre percorsi culturali veri, aiutando il giovane a scoprirsi “unico / irripetibile / originale “- Noi stiamo solo ed esclusivamente facendo la nostra parte e ringraziamo il Ministero delle Infrastrutture di averci coinvolto in questa meravigliosa avventura culturale che non ha bisogno di commenti… dice tutto da sola perché dove ce preparazione, cultura, cuore e azione, tutto il resto non conta.

Nicolò Mannino
DiPietro Dragone

A Cerda, cittadinanza onoraria per Nicolò Mannino e Salvatore Sardisco

Il prossimo 5 luglio, Nicolò Mannino e Salvo Sardisco, rispettivamente presidente e vice presidente del Parlamento della Legalità Internazionale, riceveranno a Cerda (PA) la cittadinanza onoraria.

“Ricevere questa cittadinanza onoraria – dice il Presidente Mannino – mi commuove, e incoraggia il cammino culturale intrapreso avendo dato vita come ben sai al Parlamento della Legalità Internazionale.

Il sindaco Giuseppe Ognibene ha sempre partecipato in prima persona ai tanti appuntamenti culturali organizzati dal Parlamento della Legalità Internazionale ed oggi, dopo anni di dialogo culturale e dopo aver vissuto tante iniziative belle ed entusiasmanti con i bambini, gli adolescenti, le famiglie e i docenti del Comune di Cerda, ha deliberato il conferimento della Cittadinanza Onoraria, che, sia il “prof. antimafia” che il vice presidente Salvatore Sardisco, riceveranno il prossimo 5 luglio 2017.

La manifestazione partirà dalle ore 18.00 nella splendida cornice della Villa Comunale di Cerda (dedicata a tutte le vittime della violenza dove si trova il monumento dei caduti) durante il concerto musicale dei bambini e degli adolescenti dell’Istituto Comprensivo di Cerda.

Per Mannino si tratta della diciannovesima onorificenza, mentre per Sardisco, della quarta.

“Sarà un momento di commozione e di incoraggiamento sia per me – prosegue il prof. antimafia –  che per Salvatore Sardisco che da ben sei anni condivide al mio fianco una vera “Missione” che ci vede in giro per l’Italia nel ricordo di chi ha pagato sol sangue un impegno per la democrazia e la giustizia”.

Tante le attestazioni di affetto per Mannino e Sardisco e tante le novità che, insieme alla prossima uscita di un libro del prof. Mannino, stanno per arrivare. Segno che il Parlamento della Legalità continua il suo percorso con successo riuscendo a coltivare semi di speranza.

Ai due neo concittadini del Comune di Cerda va la stima e l’ammirazione che ogni cittadino semplice e pulito deve a chi, come Nicolò Mannino e Salvatore Sardisco, ogni giorno si mette in gioco perché il presente e il futuro di tanti adolescenti e giovani sia a colori e ricco di speranza.

Pietro Dragone

DiPietro Dragone

I DETENUTI DEL CARCERE DI VERONA A NICOLO’ MANNINO “DACCI SPERANZA”

Verona – Dopo aver presenziato alla “Sagra di Primavera” di Venezia, dove ha ribadito l’importanza di perseverare nella lotta alla criminalità, Nicolò Mannino – Presidente del Parlamento della Legalità Internazionale – ha portato un messaggio di amore e speranza ai detenuti della Casa Circondariale di Verona. Il Presidente, accompagnato da una delegazione composta dalla Dottoressa Anna Lisa Tiberio – Coordinatrice della Rete di Cittadinanza Costituzione e Legalità –, Thomas Piccinini – Sindaco di Mozzecane – ed uno staff di collaboratori, ha incontrato i detenuti e le detenute della Casa Circondariale diretta dalla Dottoressa Maria Grazia Bregoli. La Direttrice ha iniziato l’incontro mettendo in evidenza l’armonia di intenti tra l’operato delle Carceri e i valori propugnati dal Parlamento della Legalità Internazionale.

Il Presidente Nicolò Mannino ha evidenziato episodi personali che lo hanno motivato a sensibilizzare giovani ed adulti ai temi della legalità e della cittadinanza attiva e consapevole. In particolare ha rievocato, con ardore colmo di sommo rispetto, le figure dei Giudici Falcone e Borsellino e di tutti coloro che hanno perso la vita per difendere la nostra Costituzione. Altro momento toccante è stata la rievocazione dell’efferato omicidio di Giuseppe Di Matteo, seguita dal monito a non lasciarsi sopraffarre dal dolore e dalla rabbia, anche di fronte ad azioni così inumane. È estremamente importante capire che tutte le nostre azioni devono essere tese alla consapevolezza e al rispetto delle regole di convivenza civile e democratica. Può succedere di sbagliare, ed è giusto pagarne le conseguenze – come successivamente ribadito dal Sindaco Thomas Piccinini –, ma è altrettanto importante offrire una possiblità di riscatto ai detenuti meritevoli.

Il percorso di riabilitazione non è però un lavoro che i detenuti compiono da soli. Alle loro spalle ci sono infatti numerosi esperti e professionisti che si prodigano nell’aiutare gli altri senza essere, con le parole del Presidente Mannino, “carcerati del proprio orgoglio”. In tal senso si deve ricordare anche l’impegno della Dottoressa Anna Lisa Tiberio che, stringendo le mani ai detenuti, ha fatto capire loro quanto sia importante studiare. Infatti, non a caso, proprio questo 22 Giugno, alcuni detenuti hanno partecipato alla seconda prova dell’Esame di Stato che consentirà loro di proseguire nel percorso riabilitativo. Fondamentale è il lavoro che la scuola sta facendo per abbattere la stigmatizzazione e gli stereotipi, perché la speranza di essere accolti dagli altri è per i detenuti un motivo del loro desiderio di cambiamento.

Si deve evidenziare che proprio dagli interventi dei detenuti è emersa una grande volontà di superare il dolore e di riscattarsi, ma anche un’auspicio ad essere accettati. Si è percepita voglia di dialogare e di confrontarsi parlando delle loro storie, dimostrando consapevolezza dei propri errori. Segno, questo, che il lavoro condotto nella Casa Circondariale sta dando i suoi frutti sia nella riabilitazione che nell’integrazione dei detenuti.

Federico Fiocco

DiPietro Dragone

FSI USAE e PdLI insieme. Artefici e protagonisti di un presente di sviluppo

Roma, Giovedi 22 giugno 2017 –  Presso l’istituto sant’Orsola, il Segretario Generale FSI USAE – Unioni Sindacati Autonomi Europei -, Adamo Bonazzi siglerà il protocollo d’intesa culturale con il prof. Nicolò Mannino, Presidente del Parlamento della Legalità Internazionale.

Un dialogo aperto e costruttivo che arricchirà le dinamiche esperienziali e culturali di ogni singolo individuo e insieme divenire “sentinelle di un’alba nuova”.

Il Vice Presidente PdLI Salvatore Sardisco con il Segretario generale FSI -USAE, Adamo Bonazzi accompagnato da Raffaele Pinto, Presidente dell’Associazione nazionale informatici pubblici e aziendali

L’obiettivo è creare un canale comunicativo con il mondo del lavoro affinché chiunque possa cooperare per divenire artefice e protagonista di un presente di sviluppo.

Il protocollo d’intesa tra il Parlamento della Legalità Internazionale e il sindacato FSI USAE, mira a valorizzare l’importanza del lavoro come strumento fondamentale e imprescindibile di crescita-costruzione personale e sociale, che rende l’uomo libero dalla cultura dell’illegalità e dalla falsa illusione di poter avere per “favore” quanto invece spetta di diritto.

Il lavoro costituisce un elemento essenziale per acquisire dignità e progettualità rispetto alle proprie scelte di vita che altrimenti possono risultare difficilmente realizzabili. La sua assenza dirotta noi tutti in un clima di totale pessimismo, dove la frustrazione di non veder realizzati i propri sogni, anche quelli più semplici come costruirsi una famiglia o acquistare una casa, diventa un elemento di coesistenza perenne.

Il prof. Nicolò Mannino, Presidente del PdLI

In questi anni tanti studenti, uomini di ogni settore politico culturale, esponenti del mondo ecclesiale ed istituzionale, magistrati e ministri hanno contribuito positivamente alla crescita e alla conoscenza dell’operato del Parlamento della Legalità Internazionale; la sinergia con un sindacato di valenza europea accrescerà il peso della sua azione, donando contestualmente a FSI USAE nuovo spessore e permettendogli l’acquisizione di più ampie competenze.

Le future iniziative che saranno concordate ed agite in nome di questa nuova partnership, rifletteranno il comune impegno verso il raggiungimento di quei valori di Pace, Solidarietà, Fraternità e Giustizia che, quale mission di entrambi, potranno sostenere il nostro Paese nell’arduo cammino di rinnovamento e ricostruzione.

DiPietro Dragone

Il Ministro Orlando sigla la prefazione al libro “Io non c’ero…” di Mannino – Nazio

Il libro scritto a quattro mani dal prof. Mannino, Presidente del Parlamento della legalità Internazionale e dal giornalista Rai, dott. Pino Nazio avrà ad apertura l’importante contributo del Ministro della Giustizia, Andrea Orlando.

“Cosa sanno i giovanissimi di Falcone e Borsellino? Porci la domanda del libro di Nicolò Mannino e Pino Nazio è il modo migliore per corrispondere all’affermazione per cui il peggior nemico della mafia è la scuola. Per essere realmente alla sua altezza.”

Queste le parole ad apertura della prefazione del Ministro della Giustizia che sottolinea l’importanza dell’azione sociale portata avanti dalla scuola nella lotta alle mafie.

Il titolo, “Io non c’ero… Cosa sanno i giovani di Falcone e Borsellino? Un viaggio tra passato e futuro a venticinque anni da Capaci e via D’Amelio”, è identificativo del percorso narrativo seguito dagli autori.

da sinistra: il prof. Mannino, il giornalista Nazio

Non è la prima volta che il prof. Nicolò Mannino, palermitano, impegnato da oltre venticinque anni nella lotta alla mafia in Sicilia e in Italia, scrive di e contro la mafia. Giovane chi seiSe potessi scriverei un silenzio e Quello che i mafiosi non sanno sono i primi tre libri del “prof. antimafia” com’è conosciuto nella maggior parte delle scuole di Sicilia, che fin dal 1985 collaborando nelle scuole con il giudice Paolo Borsellino ha riposto il suo impegno civile  nella speranza di un’Italia libera e coraggiosa, schierata contro la mafia e la “cultura” mafiosa.

Insieme a lui, questa volta, c’è il giornalista Pino Nazio, con alle spalle tredici anni di collaborazione con il noto programma televisivo Chi l’ha visto? e numerosissime pubblicazioni alle spalle nell’ambito della ricerca sociologica criminale. Il bambino che sognava i cavalli. 779 giorni ostaggio dei corleonesi rappresenta uno dei suoi capolavori ed è indirizzato verso la narrazione della prigionia del piccolo Giuseppe di Matteo, vittima innocente di Cosa nostra.

Un importate contributo all’opera, quello del vice Presidente del Parlamento della Legalità Internazionale, Salvatore Sardisco, che ha contribuito alla creazione della sezione conoscitiva di quelle che sono le finalità e gli scopi dell’associazione antimafia.

Il libro, che uscirà nel venticinquesimo anniversario della strage di via D’Amelio, è anche frutto del lavoro  delle scuole che in tutta Italia hanno aderito al progetto per raccogliere informazioni sul campo e documentare effettivamente cosa sanno i giovani di Falcone e Borsellino.

Il Ministro della Giustizia Andrea Orlando

E su questo punto rimane fermo anche l’intervento del Ministro della Giustizia Orlando che invita i giovani al dovere morale della ricerca della verità e della lotta contro il sistema di pensiero mafioso.

“I giovanissimi – dice Orlando – devono sapere che la mafia non è un destino ineluttabile né un dato immodificabile. Devono sapere che la mafia non ha vinto, che lo Stato ha saputo difendersi, grazie al sacrificio di tanti, e continua a difendersi, grazie al lavoro dei magistrati e delle forze dell’ordine. Ma la mafia non ha nemmeno perso. Per questo occorre rilanciare un’antimafia sociale, capace di parlare alle nuove generazioni e in grado di guardare alle trasformazioni del fenomeno mafioso, al carattere proteiforme delle mafie economiche, all’incunearsi della mafia nei punti di vulnerabilità del sistema. Questo è un compito istituzionale e culturale che oggi cerchiamo di portare avanti con gli Stati generali dell’Antimafia.”

Pietro Dragone

DiPietro Dragone

FSI -USAE e Associazione nazionale informatici pubblici e aziendali: costruire un futuro di Legalità con il Parlamento della Legalità Internazionale

Accolti oggi dal vice Presidente del Parlamento della Legalità Internazionale(PdLI), Salvatore Sardisco il Segretario generale FSI -USAE, Adamo Bonazzi accompagnato da Raffaele Pinto, Presidente dell’Associazione nazionale informatici pubblici e aziendali in visita alla sede di presidenza di Monreale.

La legalità si persegue un passo alla volta, giorno dopo giorno, con le piccole cose che messe insieme formano una grande comunità ha dichiarato Adamo Bonazzi subito seguito da Raffaele Pinto che ha espresso piena stima e solidarietà agli obiettivi dell’associazione del prof. Mannino.

I due si sono detti onorati di essersi messi in cammino con il Parlamento della Legalità Internazionale del quale sono divenuti amici e fratelli di ideali.

Una collaborazione, quindi, quella tra il PdLI e il Segretario generale FSI -USAE insieme al Presidente dell’Associazione nazionale informatici pubblici e aziendali, che si delinea prolifica di eventi e ricca di obiettivi da raggiungere insieme per contribuire allo sviluppo della società, passo dopo passo.

Pietro Dragone

DiPietro Dragone

Un tricolore dalle zone terremotate, dono per la sede di Presidenza del Parlamento della Legalità Internazionale

Il primo pensiero del vice Presidente del Parlamento della Legalità Internazionale, Salvatore Sardisco, al rientro dall’esperienza a Montecitorio è stato quello di issare all’esterno della sede di Presidenza di Monreale, un tricolore donato dalle popolazioni terremotate del centro italia.

Il tricolore che sventola nella sede di presidenza del Parlamento della Legalità Internazionale arriva dalla regione vittima del terremoto, l’abruzzo e vuole  essere un segno di affetto e vicinanza verso chi opera a favore della vita.

A consegnarlo nella splendida sala della regina a Montecitorio il presidente dell’ associazione “Cuore Nazionale Abruzzo  Francesco Longobardi”.

“Un gesto simile.ci incoraggia e ci commuove – dice Nicolo Mannino – perché essere italiani vuol dire unire intenzioni e ideali e lavorare insieme anche condividendo segni forti che si commentano da soli”.

In Abruzzo intanto il Parlamento della Legalità Internazionale ha insediato l'”Ambasciata della Rinascita” nel palazzetto dello sport di Penne dove sono stati coordinati gli aiuti e i soccorsi subito dopo il terremoto.

Pietro Dragone

DiPietro Dragone

Eletta la piccola ambasciatrice della Fratellanza dell’I.C.S. “Renato Guttuso” di Palermo

Venticinque anni fa Paolo Borsellino diceva che “questa terra (la Sicilia) sarebbe diventata un posto bellissimo”.

Il Parlamento della Legalità Internazionale da voce alla bellezza partendo proprio dai più piccoli, dai ragazzi delle scuole. Dalla scuola elementare fino ai licei e istituti superiori, la scuole è palestra di vita. Tappa fondamentale di ogni giovane chiamato ad operare nel sociale in un futuro quasi presente.

E insediando oggi l'”Ambasciata della Fratellanza” presso l’I.C.S. “Renato Guttuso” di Palermo, il dirigente scolastico Anna Maria Pioppo corona cosi un anno di attiva ed entusiasmante collaborazione con lo staff di presidenza del Parlamento della Legalità Internazionale.

Momenti culturali ricchi di tanto lavoro vissuto con circa 700 studenti che hanno riflettuto di questo valore della fratellanza con lo sguardo rivolto ai due fraterni amici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

Il progetto del Parlamento della Legalità Internazionale è proprio quello di agire nelle scuole e a supporto delle scuole per trasmettere ai più piccoli la bellezza della vita e dell’amore alla legalità.

Dolo così – sottolinea il prof. Mannino – potremo costruire una società più giusta basata su solide fondamenta che sono questi nostri fratelli più piccoli. Ed è per questo motivo che gli ambasciatori del Parlamento della Legalità Internazionale sono solo ed esclusivamente dei giovani e bambini. Perché la loro purezza non possa mai essere intaccate da logiche affaristiche e interessate e possano sempre collaborare con i loro compagni in maniera serena e pacifica per costruire un futuro a colori in un mondo che rischia di ingrigirsi.

Pietro Dragone

HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com