Archivio dei tag Salvatore Sardisco

DiPietro Dragone

Inaugurazione Presidenza Nazionale del Parlamento della Legalità Internazionale

Monreale 22/05/2017 – Nel pomeriggio del 22 maggio è avvenuta l’inaugurazione a Monreale della Presidenza Nazionale del Parlamento Internazionale della Legalità, presieduta dal prof. Nicola Mannino e dal vicepresidente Salvo Sardisco, nostro concittadino ed intesta a Giovanni Paolo II.

Nei locali, in via Venero 30, messi a disposizione gratuitamente dal signor Guardì, suocero del vice presidente Salvatore Sardico, si sono dati appuntamento le massime autorità politiche ed istituzionali del territorio.

Oltre al sindaco di Monreale Piero Capizzi, era presente l’Amministrazione Comunale di Palermo con il suo delegato, il consigliere Giulio Cusumano, sempre presente ed attento alle problematiche sociali. Presenti anche il commissario straordinario della UilTrasporti Sicilia, Agostino Falanga insieme ai sindaci di Ravanusa e Castellamare del Golfo.

Protagonisti di un momento ricco di gioia i bambini dell’I.C. “Antonio Veneziano”, dell’I.C. “Francesca Morvillo” e dell’I.C.S. “Gugliemo II” di Monreale insieme a tantissimi altri bambini che hanno lanciato nel cielo i colori del tricolore fatti a mano in carta crespa.

Erano altresì presenti le più alte cariche militari con i responsabili del COMILITER Sicilia, generale Alessandro Veltri ed il Colonnello dell’Arma dei Carabinieri, Pietro Sutera.

Particolare partecipazione di Nicola Di Matteo fratello del piccolo Giuseppe trucidato dalla mafia. Messaggi augurali inviati dal Presidente del Senato Pietro Grasso e da parte dell’Arcivescovo Monsignor Pennisi, sono stati letti ad una folla plaudente alla lodevole iniziativa. Da sottolineare anche il messaggio augurale inviato da Mons. Francesco Coccopalmerio, Ministro della Giustizia della Santa Sede del Vaticano.

Presente anche il sottosegretario alla difesa, Domenico Rossi che ha concluso gli interventi di rito, auspicando che altre sedi come questa vengano aperte in tutto il territorio nazionale.

DiPietro Dragone

Doni da tutta Italia per la nuova sede del Parlamento della Legalità Internazionale a Monreale

Monreale – Da tutta Italia arrivano in queste ore una moltitudine di doni e lettere per la nuova sede del Parlamento della Legalità Internazionale a Monreale.

Nella foto, Helga Guardì, la moglie del vice Presidente del Parlamento della Legalità Internazionale (PdLI) e figlia di Benedetto Guardì che ha donato all’associazione il suo locale sito nel corso principale di Monreale per insediarvi la sede di presidenza del PdLI che sarà inaugurata venerdì 22 Maggio alle ore 16.00, vigilia del venticinquesimo anniversario della strage di Capaci.

I disegni che Helga Guardì ha in mano arrivano da diversi istituti comprensivi del bergamasco.

Tra gli altri doni: una croce donata dall’Ambasciata della Misericordia e del Perdono di Massafra in Puglia; un tricolore donato dal Comune di Penne in Abruzzo dove è sita l’Ambasciata della Rinascita; una bandiera dell’Unione Europea che arriva da Verona in Veneto; e una foto di sua Santità Giovanni Paolo II al quale la sede sarà dedicata.

Tutto sarà benedetto da Sua Eccellenza Reverendissima Mons. Michele Pennisi che oltre ad essere l’Arcivescovo di Monreale è anche la guida spirituale del Parlamento della Legalità Internazionale .

I protagonisti indiscussi della nuova sede di presidenza del PdLI saranno i bambini, gli adolescenti e i giovani che sotto gli esempi di legalità sorti proprio in questa terrà contribuiranno a formare la nuova Italia che già profuma di libertà e giustizia.

 

Pietro Dragone

DiPietro Dragone

Gli studenti di Bergamo in marcia con il Parlamento della Legalità Internazionale

Palermo – Il Parlamento della Legalità Internazionale sbarca nel bergamasco tra un fiume di studenti in marcia…

«Tutto pronto nel bergamasco, tutti entusiasti di accogliere e abbracciare due personalità che dell’umiltà e della caparbietà ne hanno fatto un modo di essere.

Stiamo parlando di Nicolò Mannino e Salvatore Sardisco, rispettivamente presidente e vice presidente del “fortunato” Parlamento della Legalità Internazionale.  Ebbene sì, la dirigente scolastica, dott.ssa Patrizia Giaveri talmente ci ha creduto che ha smosso gli animi di tutti e con determinazione e entusiasmo ha coinvolto mondo scuola, istituzioni e genitori.

Nicolò Mannino e Salvatore Sardisco arriveranno nel bergamasco venerdì 19 maggio, proprio per partecipare alla grande marcia per la legalità che si preannuncia partecipata da tantissimi studenti e da tanto entusiasmo.

“Sì, – dice Nicolò Mannino – perché legalità non è morte o paura bensì vita, cantare la bellezza dell’essere gente che agisce e pensa al positivo e fa tutto per e con amore”.

Salvatore Sardisco commenta: “Siamo fieri di essere con i bambini gli adolescenti e i giovani proprio perché sono loro il presente che cambia e sono loro i veri ambasciatori della speranza e del volontariato”.

Proprio il diciannove maggio gli studenti della “Marcia della Legalità” insedieranno l’Ambasciata del Volontariato, un valore che amano e che già vivono da tempo a partire dal mondo scuola.

Un caloroso e forte abbraccio attende Nicolò e Salvo in un mondo bergamasco che attende il Parlamento della Legalità Internazionale per continuare a cantare la vita sul pentagramma della bellezza e della semplicità che si respira tra i banchi di scuola».

DiPietro Dragone

GIOVANI DI TUTTO IL MONDO CONVOCATI DAL PARLAMENTO DELLA LEGALITA’ INTERNAZIONALE per dire NO alla mafia nel Giardino della Memoria

Un lungo applauso ha salutato l’arrivo dell’Arcivescovo di Monreale Mons. Michele Pennisi, guida spirituale del Parlamento della legalità Internazionale che ha abbracciato con paterno affetto  i giovani del Parlamento della Legalità Multietnico composta da giovani  alunni e alunne dell’I.I.S.S. “F.Ferrara ” di Palermo arrivati nel capoluogo siciliano da diverse parti del mondo.

Alziamo lo sguardo: già in lontananza si vede un fiume in piena di studenti dalle scuole di Monreale, dalla “Guglielmo II”, all'”Antonio Veneziano”, dagli studenti dell’I.C. di Pioppo a quell’ Ist. Compr. “Francesca Morvillo”, dagli alunni  dell’Istituto  Statale di Agriria S. Cipirello/San Giuseppe Jato sino a quelli  dell’Istituto Comprensivo “Luigi Pirandello” di Cerda che hanno animato la S. Messa e poi eseguito un piccolo ma significativo concerto.

In prima fila le autorità arrivate dalla Prefettura, dal Comando Regione dell’Esercito Regione Sicilia, dalla Questura di Palermo e dalla Compagnia dei Carabinieri di Monreale. E così un lungo applauso è stato indirizzato al Vice Prefetto Laura Franchina, al Tenente Colonnello dell’Esercito Tamburello in rappresentanza del Comando Militare Esercito Sicilia, al Sindaco di San Giuseppe Jato Davide Licari, al Colonnello dei Carabinieri  Pietro Sutera e al Capitano dei Carabinieri Guido Volpe, alla Polizia di Stato e a tutte le forze armate presenti.

A concelebrare con Mons. Michele Pennisi l’Arciprete di San Giuseppe Jato Don Filippo Lupo e l’Arciprete di  San Cipirello Don Giuseppe La Franca.

Dalla lontana Bergamo anche una delegazione di Studenti capitanata dalla Coordinatrice Culturale del Parlamento della Legalità Internazionale della Lombardia Patrizia Giaveri, con il primo cittadino del Comune di Romano di Lombardia Sebastian Nicoli.

Presenti intorno l’altare  l’Associazione Nazionale dei Carabinieri della Sezione di Monreale.

Parole forti, profetiche e chiare sono tuonate contro i carnefici della mafia che non hanno avuto paura e nessun rimorso di coscienza nell’uccidere, strozzare e sciogliere nell’acido il piccolo Giuseppe colpevole solo di essere figlio di Santino Di Matteo prima affiliato alla mafia e poi collaboratore di Giustizia. Tante volte l’omelia dell’Arcivescovo, ripresa pure da una TV tedesca è stata interrotta da applausi e consenso.

Nicolò Mannino e Salvatore Sardisco, rispettivamente presidente e vice presidente del Parlamento della Legalità Internazionale hanno dato il benvenuto a tutti e organizzato l’evento in modo professionale, semplice ma impeccabile.

Dopo la Celebrazione  Eucaristica Nicolò Mannino e Salvatore Sardisco hanno conferito a Mons. Michele Pennisi, proprio per le sue chiare e inequivocabili posizioni contro ogni forma di violenza e mafia, il premio memoria Giovanni Falcone 2017 pergamena controfirmata da Maria Falcone sorella del magistrato ucciso dalla mafia ben venticinque anni fa. “Accetto con affetto questo segno di riconoscimento – ha detto Mons. Michele Pennisi – ma io rispondo alla mia Chiamata di Pastore a servizio della Chiesa”.

A Mons. Pennisi anche una croce pettorale arrivata da Verona dove pochi giorni fa Nicolò Mannino ha insediato l’Ambasciata dell’Amore e che il prossimo quindici maggio troverà collocazione in una sezione di ospedale a Verona dove vi sono bambini malati di Leucemia e tumore. “Sono commosso ma felice perché qui ci sono i volti di tutto il mondo, e studenti di tutte le fedi – ha precisato Nicolò Mannino – qui ce un cuore solo che batte forte come quello di chi non si arrende e crede nella forza travolgente della vita. Qui vi è  oggi il richiamo alla coscienza di chi si è troppe volte macchiato di sangue innocente perché – ha detto Mannino – oggi Giuseppe siamo ciascuno di noi”.

Salvatore Sardisco, fiero di aver raccolto tanto consenso dal mondo scuola, specie da quello di Monreale, precisa”Questa giornata rimarrà nella storia perché ogni studente e studentessa non può che fotografare col cuore ciò che rende singolare un luogo che ieri ha visto morire un bambino e oggi tanti bambini, adolescenti e giovani cantano alla vita.

A fine celebrazione in corteo si va vicino al pozzo e si posa un mazzo di fiori,il quadro del sacro Cuore di Maria e di Gesù,  mentre in religioso silenzio il lettino arrugginito dal tempo dove il piccolo Giuseppe avrà riposato qualche minuto prima di morire, proprio quella brandina viene ricoperta da tanti angeli di carta. Ce chi porta via una lacrima, chi a stento trattiene il pianto. una foto rubata, una preghiera e un segno di croce… ce posto per tutto e tutti e solo qui in questo luogo si comprende l’orrore della mafia e dei suoi carnefici.

E’ vero… giornate come queste, curate magistralmente dal parlamento della legalità internazionale, rimangono e fanno la storia . Quella scritta con la volontà e il cuore dove i fatti convincono più delle parole.

Ciao Giuseppe, piccolo Angelo in Paradiso, anche noi stiamo dalla tua parte.

DiPietro Dragone

Al Giardino della Memoria vince la Vita, non la mafia

Il piccolo Giuseppe Di Matteo sarà ricordato domani Martedì 9 maggio 2017 con una manifestazione di carattere nazionale, dall’Arcidiocesi di Monreale in collaborazione con il Parlamento della legalità Internazionale. Una piccola cerimonia si terrà in contrada Giambascio, nel luogo dove i carnefici della mafia lo sciolsero nell’acido, dopo 779 giorni di prigionia, volendo punire con questo terribile gesto il padre diventato collaboratore di giustizia.

Foto con Sottosegretario Cosimo Ferri Nicolò Mannino e Salvatore Sardisco

Pubblichiamo con immensa gioia il messaggio di solidarietà che è giunto da parte del Sottosegretario di Stato Ministero della Giustizia, l’On. Cosimo Maria Ferri, socio del Parlamento della Legalità Internazionale al presidente, il prof. Nicolò Mannino.

“Carissimo  Nicolò,

desidero esprimerle i miei più sentiti e affettuosi ringraziamenti
per l’invito al Raduno Interprovinciale in ricordo del piccolo Giuseppe Di Matteo e di tutti i bambini vittime di violenza, che si terrà il prossimo 9
maggio presso il Giardino della Memoria in provincia di Palermo,
rammaricandomi di non poter intervenire di persona ad un momento di riflessione così
toccante.

Devo dire sono stati pochi i casi di cronaca mafiosa a rimanere
così indelebilmente impressi nella memoria collettiva del Paese quanto l’omicidio
del piccolo Giuseppe Di Matteo. Un omicidio terrificante nella sua
spietatezza che, dopo le stragi di Capaci e Via D’Amelio, ebbe però l’effetto di
aumentare l’orrore verso il fenomeno mafioso. Le verità processuali che emersero in
quegli anni e da quei reati hanno avuto l’indiscutibile merito di fornire
l’esatta contezza del volto disumano della mafia.

Le vittime di mafia e i loro familiari sono lì a ricordarci, ogni giorno,
quanto sia stato tragico il saldo pagato all’impegno della lotta alla
criminalità organizzata. Lo Stato e le istituzioni hanno, pertanto, il dovere
di perpetuare il ricordo di tale esempio. Per questo, ad iniziative come
quella in oggetto non può che andare il mio plauso più convinto.

A tal proposito, con legge 8 marzo 2017 n.20, il Parlamento ha
inteso unanimemente riconoscere il 21 marzo quale Giornata nazionale della
memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime della mafia, riconoscendo nel
giorno di primavera un simbolico momento di riscatto contro l’oscurità, in
nome della verità e della giustizia sociale.

Con l’auspicio di altre iniziative simili di incontro, vi giungano i miei auguri più sinceri.

Cosimo Maria Ferri

Sottosegretario di Stato Ministero della Giustizia
Under Secretary of State
Cosimo Maria FERRI”

 

Pietro Dragone

DiPietro Dragone

Nicolò Mannino e Salvo Sardisco premiati dal presidente della Provincia di Taranto. A Taranto tagliato il nastro degli eventi culturali del Parlamento della Legalità Internazionale

Taranto 25 Febbraio 2017 – Si è svolta stamane la presentazione pubblica del percorso formativo culturale dell’associazione anti-mafia “Parlamento della Legalità Internazionale” presentata dal presidente Nicolò Mannino alla Provincia di Taranto.

Il professor Mannino è stato accolto, insieme al vice presidente Salvatore Sardisco, nella Sala Consiliare del Palazzo del Governo, sede della Prefettura e della Provincia di Taranto.

A dare il via alla manifestazione il dott. Martino Tamburrano che si è da subito dimostrato disponibile ad avviare con l’associazione e i suoi delegati regionali un dialogo proficuo ed aperto alla collaborazione attiva sul territorio provinciale. Alla fine del discorso di apertura del presidente della provincia, i due uomini della “lotta al pensiero mafioso” sono stati premiati da Tamburrano per il loro impegno civico e la dedizione ai valori della legalità e della lotta alle mafie.

A prendere la parola è stato poi il vice presidente che, dopo aver “fatto l’appello” tra i membri del direttivo regionale, ha subito tenuto a precisare che il PdLI è un’associazione apolitica, apartitica ed interconfessionale. Ed è nell’interesse di tutti che tale rimanga. Per meglio lavorare per la società scevri da condizionamenti ed influenze di sorta. Il Parlamento della Legalità Internazionale prende vita dopo la prima esperienza del pregresso “Centro Studi Parlamento della Legalità Internazionale”, che si è avvalso e continua ad avvalersi di collaboratori che credono al progetto culturale proposto. Sono persone che cessano di essere “io”, per trasformarsi in un “noi”. E’ una realtà che è ormai presente su tutto il territorio nazionale, soprattutto nelle numerose scuole che hanno firmato un protocollo d’intesa culturale con l’associazione.

“Uniti si cresce, separati mai!” questo il motto del vice presidente che arrivando dritto al punto, introduce senza giri di parole il presidente: Nicolò Mannino.

Il “prof. Anti-mafia” ha subito ringraziato per la Sala Consiliare concessa all’associazione. E’ un avvenimento importante. Non è infatti semplice ricevere di poter svolgere un incontro del genere nella Sala Consiliare della Provincia. L’incontro di questa mattina a Taranto è l’incontro di partenza delle attività dell’anno accademico del PdLI. A Taranto si è dunque tagliato il nastro inaugurale che proietterà tutti gli associati negli eventi del prossimo futuro. Ricorre quest’anno il 25° anniversario delle stragi di Capaci e via D’Amelio che videro tragicamente protagonisti i giudici Giovanni Falcone e Palo Borsellino e gli uomini della scorta. “Dovevo trovare uno slogan per quest’anno… E mi sono chiesto: Come parlare ai cuori dei mafiosi? I mafiosi del quotidiano. Quelli che per farti fuori ti gettano fango addosso. Semplice. Non rispondendo al male con il male, ma con la gioia, con la gentilezza e l’amore. “Insieme, sveglieremo l’aurora”, questo il motto. Questo l’invito a ciascuno. Non possiamo rimanere silenti. Abbiamo un debito nei confronti dei martiri della corruzione e dell’omertà. Un debito, che come testimoniava Borsellino, dobbiamo onorare con gioia.”

Al discorso ha fatto seguito l’esortazione del Presidente del Parlamento della Legalità a non lasciare soli gli uomini in prima fila, riferendosi al direttivo della regione Puglia, che per primi hanno portato questo messaggio nel territorio. Nicolò usando le parole che il magistrato Rocco Chinnici aveva indirizzato a lui qualche anno fa: “Fatti forza ragazzo, vai avanti, schiena dritta e fronte alta”. Alla fine un importante ringraziamento Nicolò lo ha fatto a Nino Surano, oggi membro del Direttivo Regionale della Puglia, che per primo ha deciso di far conoscere il Parlamento della Legalità Internazionale alla nostra amata terra, portando Nicolò in Puglia dopo un provvidenziale incontro “casuale” a Medjugorie durante un pellegrinaggio.

L’incontro si è infine concluso con l’intervento di alcune personalità che anno voluto ringraziare pubblicamente Nicolò Mannino e Salvatore Sardisco per l’importante messaggio di cui si fanno profusori in tutta Italia. Tra questi Pino Presicci, presidente della Consulta delle Associazioni di Massafra, Mina Longo per il M.A.S.C.I. Massafra, e il preside dell’I.I.S.S. “D. De Ruggieri” di Massafra e dell’ I.C. “De Amicis-Manzoni”, il prof. Stefano Milda che, raccontando la sua esperienza in Sicilia, ha mostrato la volontà di aderire ai progetti culturali dell’associazione.

Dopo la foto generale di gruppo, la manifestazione si è sciolta con un applauso a tutte le vittime della mafia. Nel ricordo di chi ha versato il suo sangue per la libertà e la pace.

 

Pietro Dragone

DiPietro Dragone

Il presidente della Provincia di Taranto, Martino Tamburrano accoglierà domani Nicolò Mannino e Salvo Sardisco al Palazzo del Governo per la presentazione del percorso culturale del “Parlamento della Legalità Internazionale”

Si svolgerà Sabato 25 Febbraio la presentazione del percorso culturale dell’associazione anti-mafia nella Provincia di Taranto.

L’associazione del Parlamento della Legalità Internazionale (PdLI) si è insediata per la prima volta in Puglia all’inizio di Gennaio, e ha la sua sede regionale a Massafra presso la Chiesa del Sacro Cuore di Gesù, li dove sorge l’”Ambasciata del Perdono e della Misericordia” voluta dal prof. anti-mafia Nicolò Mannino, il Presidente-Fondatore del PdLI.

All’evento parteciperanno le maggiori istituzioni sul territorio, i sindaci dei comuni della Provincia, le Forze dell’Ordine e le Scuole. L’evento si terrà Sabato 25 Febbraio alle ore 10.00 presso il Palazzo del Governo di Taranto, sede della Prefettura e della Amministrazione Provinciale. All’incontro sarà presente il Presidente del PdLI che rispondento all’invito della Provincia, nella figura del presidente Martino Tamburrano, ritornerà a fare visita alla nostra Regione per portare il suo messaggio di speranza e legalità.

L’iniziativa ha trovato particolare interesse presso la sensibilità del Presidente della Provincia Tamburrano che si è subito mostrato accogliente verso i delegati del PdLI ed entusiasta riguardo all’obiettivo principale di questo incontro: la sensibilizzazione dei giovani della provincia ai temi della mafia e della legalità.

Il presidente della Provincia di Taranto, Martino Tamburrano invita Nicolò Mannino al Palazzo del Governo per la presentazione del percorso culturale del “Parlamento della Legalità Internazionale”.
Si svolgerà Sabato 25 Febbraio la presentazione del percorso culturale dell’associazione anti-mafia nella Provincia di Taranto.

L’associazione del Parlamento della Legalità Internazionale (PdLI) si è insediata per la prima volta in Puglia all’inizio di Gennaio, e ha la sua sede regionale a Massafra presso la Chiesa del Sacro Cuore di Gesù, li dove sorge l’”Ambasciata del Perdono e della Misericordia” voluta dal prof. anti-mafia Nicolò Mannino, il Presidente-Fondatore del PdLI.
All’evento parteciperanno le maggiori istituzioni sul territorio, i sindaci dei comuni della Provincia, le Forze dell’Ordine e le Scuole. L’evento si terrà Sabato 25 Febbraio alle ore 10.00 presso il Palazzo del Governo di Taranto, sede della Prefettura e della Amministrazione Provinciale. All’incontro sarà presente il Presidente del PdLI che rispondento all’invito della Provincia, nella figura del presidente Martino Tamburrano, ritornerà a fare visita alla nostra Regione per portare il suo messaggio di speranza e legalità.

L’iniziativa ha trovato particolare interesse presso la sensibilità del Presidente della Provincia Tamburrano che si è subito mostrato accogliente verso i delegati del PdLI ed entusiasta riguardo all’obiettivo principale di questo incontro: la sensibilizzazione dei giovani della provincia ai temi della mafia e della legalità.

Più volte infatti Nicolò Mannino ha insistito su come sia importante mostrare un esempio di vita ai giovani per costruire una società nuova. Una società di uomini e donne che nel paradigma del Vangelo dei talenti rifiutino le logiche mafiose ed il compromesso omertoso.

E sarà proprio a Taranto che il prof anti-mafia getterà questo seme di speranza il prossimo 25 Febbraio, per la prima volta dinanzi ai Sindaci dei Comuni di Taranto e a tutte le istituzioni civili e militari della Provincia.

Un incontro che servirà da spartiacque al prossimo evento culturale e di sensibilizzazione che si terrà nei prossimi mesi, sempre in Puglia, e al quale parteciperà la mamma del piccolo Giuseppe Di Matteo, il bambino prima ucciso e poi sciolto nell’acido da “cosa loro”.

Pietro Dragone

DiSegretario

UNA SERATA TRA AMICI PER CONDIVIDERE UN IMPEGNO CULTURALE A FAVORE DELLA VITA PARTECIPA ANCHE TU

INVITO IMPORTANTE

Atmosfera di festa e aria di entusiasmo.

Il Natale bussa alle porte ma non tutti i cuori sono disposti a spalancare la porta del proprio guscio perché stanchezza delusione e solitudine hanno già serrato dentro ogni briciolo di speranza.
Ma non può essere tutto buio.
L’urlo di pura invocazione lanciato dal Profeta va ripetuto anche oggi:
“Dio…se tu squarciassi i cieli e scendessi”.
LUI scende, viene, ma desidera forse trovare cuori disponibili all’accoglienza e all’ascolto di qualcosa di semplicemente vero: l’AMORE che porta all’AMORE.
Noi, Centro Studi Parlamento della Legalità ogni anno, proprio perché
crediamo fortemente in un messaggio a favore della Vita, invitiamo a
condividere un momento di fraternità, di gioia pura, di solidarietà vera,
disinteressata e che arrivi al cuore di chi attende solo un abbraccio ricco di calore.
E così, Venerdì 12 Dicembre 2014 alle ore 20,00 ci ritroveremo tutti al “Giardino degli Aranci” a Monreale… per abbracciare insieme i nostri sogni di Speranza e invocare un Natale più vero e meno retorico.
Il primo plauso a questa singolare iniziativa ci giunge dal Presidente del Senato Pietro GRASSO, nostro Presidente Onorario del Parlamento della Legalità il quale ben conosce il cammino, gli obiettivi, le finalità e i contenuti che stanno in casa “Parlamento della Legalità”.
Con questa presentazione ti invitiamo a contattare, se pensi di aderire e invitare chi porti nel cuore, le due persone che trovi scritti nel biglietti d’Invito (Salvatore Sardisco e Helga Guardì) che hanno il compito di stilare l’elenco dei partecipanti.
Ti aspettiamo con grande stima e siamo certi sarà una serata stupenda e bella poiché il cuore e solo il cuore la farà da padrone.

Un fraterno abbraccio,
Nicolò Mannino
Presidente del Centro Studi Culturale “Parlamento della Legalità”

fronte gran galà 2014 interno gran galà 2014 lettera senato

 

DiSegretario

Delegazione di politici monrealesi al Parlamento della legalità: Crediamo insieme in una cultura di riscatto-

Un pomeriggio diverso, a osservare e fotografare immagini, volti, sorrisi , paesaggi, slogan…tutto in un clima di familiarità e di disponibilità a una cooperazione attiva. Non stiamo parlando di una visita a un museo più o meno noto bensì a un incontro culturale e di programmazione di attività svoltosi nella sede nazionale del Centro Studi Parlamento della Legalità nel Comune di San Cipirello. A guidare la delegazione dei politici monrealesi è stato Salvatore Sardisco collaboratore di Presidenza del Parlamento della Legalità, il quale ha accompagnato nella sede di uno dei movimenti ormai noto in tutta Italia, il Presidente del Consiglio Comunale di Monreale  Giuseppe Di Verde, i consiglieri Manuela Quadrante e Rossella Pica. Con il gruppo anche Helga Guardì, neo socio onorario del Parlamento della Legalità nominata lo scorso otto ottobre  a Roma in occasione dell’inaugurazione dell’Anno  Accademico  svoltosi alla Camera dei Deputati.
Ad accogliere la delegazione il Presidente Nicolò Mannino che ha avuto parole di stima e di apprezzamento per il cammino culturale svolto nella città arabo normanna, sede del Vescovo della diocesi ( Mons. Michele Pennisi, guida spirituale di questo movimento)  dove da mesi è nata l’Ambasciata  dei Colori e che presto vedrà l’insediamento  di questo organo studentesco / giovanile, “cuore giovane e trasparente- dice Nicolò Mannino- in una delle città più belle della sicilia”-
Contento il Presidente del Consiglio di Monreale  Giuseppe Di Verde il quale , insieme  a Manuela Quadrante e Rossella Pica , ha garantito la massima collaborazione dell’amministrazione comunale nell’incoraggiare tutte le iniziative che mirano a una educazione concreta alla legalità e cittadinanza attiva-
In cantiere diverse iniziative che partiranno dai prossimi giorni e che coinvolgeranno studenti di ogni ordine e grado i quali saranno entusiasticamente coinvolgi in alcune iniziative dove sono protagonisti nel territorio non da spettatori ma da cittadini “importanti” che amano il proprio paese e diventano coscienza critica per il bene della collettività-

Nicolò Mannino
 20141022_195714
20141022_195625
DiSegretario

Ustica, cerimonia di chiusura della Settimana della Legalità.

Con la celebrazione della Santa Messa si è conclusa ieri pomeriggio, nella splendida cornice di Ustica, la “Settimana della Legalità”, che ha visto la presenza del Presidente Nicolò Mannino e di tante persone splendide. Si sono unite a noi, oltre ai residenti, anche persone in vacanza, proveniente da varie località dìItalia. Sarebbe impossibile citarle tutte, ma ognuno di loro ha dato tanto e non lo dimenticheremo mai.
Un grande plauso vogliamo rivolgerlo a Salvo Sardisco, stretto collaboratore e uomo di grande fiducia del Presidente, sempre fattivamente presente in ogni occasione, e al Vice Sindaco di San Cipirello, Avv. Antonella Abruzzo, che ha condiviso questa splendida settimana con noi, rallegrando gli animi con il suo grande sorriso e la solarità che la contraddistingue, oltre alle sue grandi doti umane e culturali. E ancora grazie all’Arma dei Carabinieri e ai suoi rappresentanti, che con grande sacrificio e umiltà si adoperano quotidianamente per la tutela dei diritti di ogni cittadino.
Il Club La Rosa D’Eventi ha riservato un’accoglienza straordinaria, come tutta la popolazione di Ustica e la sua comunità ecclesiale.
Tutti insieme abbiamo voluto ricordare, con una settimana di incontri culturali, il sacrificio di Paolo Borsellino e di Rocco Chinnici. Ci hanno regalato una grande gioia i messaggi di apprezzamento e incoraggiamento recapitati dai figli dell’illustre magistrato,
Giovanni e Caterina Chinnici, per aver esaltato “i valori più importanti nel ricordo degli uomini che rappresentano la parte migliore della nostra Isola” (Sicilia).
Continuiamo il nostro cammino a favore dei grandi valori della vita proposti da Uomini che non vanno dimenticati.

Il Segretario Nazionale

ustica

DiSegretario

IL PARLAMENTO DELLA LEGALITA’ SI INSEDIA A FIRENZE – 21 Settembre 2013

E’ la Città del Giudice Antonino Caponnetto, per noi del Centro Studi Parlamento della Legalità “nonno Nino”- E’ la Città del sindaco Matteo Renzi, ma anche la sede del nostro coordinatore della Regione Toscana Pietro Zarra al quale va un GRAZIE di cuore per aver trovato habitat  e gente meravigliosa che lo affiancheranno nelle diverse iniziative che il Parlamento della Legalità porterà avanti in Toscana.

Fervono i preparati e l’entusiasmo dell’amico Pietro Zarra è grande: tanti invitati, diversi interventi ma un solo augurio da più parti, quello di essere Ambasciatori di una cultura di vita e di bellezza sentendo forte ancora…la tenue e sottile voce di Nonno Nino che diceva : “Non abbiate paura, scendete in piazza, levate la voce perché anche quando il cielo è cupo…abbiate fede diventerà azzurro“.

E così, con questa certezza ci prepariamo a raggiungere Firenze per proporre un progetto culturale che ha in sé tutti  i presupposti per dire agli uomini di buona volontà, quello slogan preso in prestito da Papa Francesco “Noi non ci facciamo rubare la Speranza..:”

Clicka :  Locandina Inaugurazione sede del Parlamento della Legalità a Firenze

FIRENZE 21 settembre 2013

HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com