Premio Memorial "Pio La Torre e Rosario Di Salvo" - Palermo 25 gennaio 2014

Sabato 25 gennaio 2014 alle ore 10,30 presso l'Aula Magna dell'I.I.S.S. "Francesco Ferrara" di Palermo - via Sgarlata n. 11  (traversa via Bandiera),verrà conferito il Premio Memorial Pio La Torre e Rosario Di Salvo.

La manifestazione, voluta e coordinata dal Centro Studi culturale Parlamento della Legalità, vedrà in prima fila la presenza del figlio di Pio La Torre, Franco La Torre e il Presidente della Commissione Cultura e Lavoro dell'Assemblea Regionale Siciliana l'On. Marcello Greco

SARANNO PRESENTI ANCHE UN GRUPPO DI GIOVANI, OSPITI PRESSO LA COMUNITA' di PIANA DEGLI ALBANESI, SBARCATI  NEI MESI SCORSI A LAMPEDUSA ALLA RICERCA DI UN PO' DI SPERANZA E DI FORTUNA

 "Ogni anno - precisa Nicolò Mannino, Presidente del Parlamento della Legalità- noi presentiamo agli studenti tutte quelle figure di Uomini liberi che hanno portato a compimento la loro missione credendo fino in fondo nei grandi ideali della vita senza piegare le ginocchia dinnanzi a nessun compromesso, certi che la verità e la dignità non vanno mercanteggiati.

 Pio La Torre, Rosario di Salvo, come pure Rocco Chinnici, Don Pino Puglisi, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, il piccolo Giuseppe Di Matteo, figure profetiche come Giovanni Paolo II, Madre Teresa di Calcutta, Rosario Livatino, Libero Grassi,ecc sono astri luminosi che brillano e squarciano il buio di chi pensa che cambiare è impossibile. Noi presentiamo la storia e lo zelo di questi Uomini e di queste Donne che non meritano di essere dimenticati ma anzi a loro va ridata luce e vita con quelle azioni di coerenza e di bellezza che li spronano a credere in un presente a colori".

Vi INVITIAMO a PARTECIPARE.

locandina memorial

Anche Roma ha la sede di Rappresentaza del Parlamento della Legalità con il Referente per i Rapporti con le Istituzioni: il prof. Carlo Pacella

Una personalità di alto spessore culturale impegnato da sempre nel sociale, specie nel mondo universitario e alla cura di progetti che mirano ad educare le coscienze di ogni cittadino che ama lo Stato di Diritto e sa essere propositivo a favore di una cittadinanza attiva ovunque si trovi nel nostro Paese (leggi Italia): stiamo parlando del prof. Carlo Pacella con il quale da mesi è nata una forte e incisiva collaborazione culturale mettendo al centro lo sviluppo sociale e il bene della collettività specie del mondo giovanile partendo da tutte quelle iniziative che fanno capo al mondo scuola.

Di Carlo Pacella non si scrive bensì bisogna solo incontralo, fermarsi, parlare e programmare iniziative culturali con onestà intellettuale, semplicità di cuore, professionalità accreditata prima con la propria coscienza e poi tanta cultura perché  -come lui ama ripetere- "Ho visto più lontano degli altri, perché stavo sulle spalle dei giganti" (J. Newton)-

Chi sono questi giganti? semplice: subito il pensiero corre a uomini dello spessore di Rocco Chinnici, Rosario Livatino, Giovanni Paolo II, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino...e perché non al  papà attento e premuroso che con sacrifici assicura lo studio e la crescita socio-culturale del proprio figlio?  Perché non deve essere la mamma, il docente, l'impiegato che non piega le ginocchia dinnanzi a nessun compromesso e sa che la dignità non conosce gli sconti di fine stagione?

Gigante, forse, è colui che non ha un prezzo, che ascolta la voce del cuore sintonizzata sempre con quella della propria coscienza, che sa piangere con i deboli e non arrossire di vergogna se dinnanzi a un pubblico "firmato" si presenta nella sua semplice ed essenziale identità di cittadino logorato dalla crisi.

Siamo tutti giganti quando la libertà non la si vende per libertinaggio e quando dinnanzi a noi c’è sempre e ancora cielo per volare.

Carlo Pacella in questo è maestro "di vita", tant’è che incontrandoci e dopo diversi dialoghi, dopo aver firmato il Protocollo di intesa Culturale con la Cooperativa Studi Parlamentari di cui è giustamente e meritatamente Presidente, ha dato a noi l'opportunità di avere nella Capitale ( leggi Roma) la sede di Rappresentanza e di Accoglienza del Centro Studi Culturale  Parlamento della Legalità - Viale America 93- Zona Eur .

Dallo scorso 30 novembre 2013, in apertura Anno Accademico 2013/2014, il prof. Carlo Pacella è Collaboratore di Presidenza e Referente per i Rapporti Istituzionali.

In calendario tante iniziative che vivremo in diverse città d'Italia, non ultima l'organizzazione della "TRE GIORNI PER LA VITA" che partirà il 20 Marzo da Palermo, il 21 Marzo a Roma, il 22 Marzo a Como.

All'amico fraterno Carlo, un GRAZIE di cuore da tutti Noi che crediamo in una cultura di Bellezza, di Speranza e di Riscatto.

IMG-20140116-WA0016 IMG-20140116-WA0018

Il Parlamento della Legalità alla Sala Consiliare del Comune di Palermo. Un messaggio in tutte le lingue per dire SI ALLA VITA, NO ALLA VIOLENZA

Una giornata di quelle che non si scrive solo nel diario scolastico ma anche nel cuore e nella memoria per rivivere un impegno preso oltre la retorica e le frasi di circostanza.

Proviamoci ad agire con caparbietà e continuità certi che prima o poi l'alba torni a salutare il buio della notte dove i codardi e i vigliacchi seminano morte e odio.

A scendere in campo - non per le strade - siamo noi , quelli del Centro Studi Culturale Parlamento della Legalità che abbiamo inaugurato l'anno accademico con l'unico obiettivo di parlare e confrontarci nelle sedi Istituzionali con quanti sono stati "democraticamente" eletti a "servire " il Paese ascoltando il grido di Verità e Giustizia che sta nel cuore di giovani, degli  adolescenti, dei poveri, degli ultimi, in chi crede per non disperare.

E così Venerdi 6 dicembre alle ore 9,30 accolti dall'Assessore Giuseppe Barbera  ( Assessore all'Ambiente, Vivibilità, Innovazione e  Diritti degli Animali) abbiamo preso posto nella splendida sala consiliare del Comune di Palermo non prima però di aver visitato tutto il Palazzo con i suoi meravigliosi quadri, encomi, arazzi, e pezzi di storia cristallizzati e ben custoditi in un magico luogo che si presenta tirato a lucido di tutto punto.

Vedendo innanzi a sé studenti provenienti da Marocco, Tunisia, Nigeria, Bangladesh, Sri-Lanka, Cina, Sicilia ... l'Assessore Barbera ha subito detto: "Quando sarà Sindaco del Comune di Palermo, cosa alquanto improbabile ( ma noi glie lo auguriamo perché persona simpatica, preparata, umana, solare, accogliente, e vera...)VORRO' voi come ASSESSORI perché la vostra compostezza e la vostra preparazione ci fa ben sperare".

Loro, i bambini / gli adolescenti / i giovani , hanno preso la parola, hanno chiesto un mondo più vero, hanno invocato Pace e fratellanza, hanno progettato  un mondo a colori mentre sui muri della sala consiliare si leggevano nomi come Libero Grassi, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino...UOMINI LIBERI che hanno pagato con la vita un presente che può (solo se si vuole) debellare ogni connivenza e compromesso con chi agisce nel buio della violenza senza sapere che l'attende un tribunale divino.

All'Assessore Barbera è stata manifestata tutta la nostra gratitudine ed ammirazione presentando il progetto formativo culturale "Il mio Paese - l'Italia - è semplicemente bellezza " che gode sia del Patrocinio ( a titolo gratuito) del Comune di Palermo come anche quello della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministro della Giustizia, del Ministro della Difesa, del Ministro dell'Integrazione.

All'Assessore alcune richiesta :

Una partita per la Vita allo Stadio "Barbera" con il Parlamento della Legalità (studenti e Nuova Sancis compresa), la pubblicazione di pensieri, riflessioni, poesie e disegni dei giovani del Parlamento della Legalità che proporranno un messaggio a colori, Visita a Bruxelles e organizzare insieme la Giornata Nazionale della Legalità in calendario per il prossimo 21 marzo.

L'Assessore Barbera, ha accolto con entusiasmo e favorevolmente le iniziative e salutandoci con un sincero e affettuoso arrivederci ha incoraggiato questo cammino culturale che ha solo un obiettivo: parlare Con e Al cuore degli ultimi per rinforzare il cammino culturale in difesa dei grandi valori della vita che poi sono le "Beatitudini" che un condannato a morte (Gesù di Nazareth) ha proposto su un monte 2000 anni fa  a migliaia di gente che ha avuto Fede nella Speranza. Noi ci stiamo provando ad averne semplicemente un pò...

20131206_095642 20131206_102145 20131206_102609 20131206_103832 20131206_111020 20131206_111436

E il PREMIO INTERNAZIONALE "WOJTYLA- RONCALLI " ARRIVA IN SICILIA a CASA NOSTRA

Fuori la neve cadeva lentamente mentre nel Comune di Calvanico (Prov. Salerno) il termometro indicava meno uno: ma dentro la sala della Tenuta Leone, dove si celebrava la IX Edizione  del Premio Internazionale Roncalli - Wojtyla la gente sentiva il calore di un affetto indirizzato alla memoria di due Papi che hanno fortemente inciso nella storia della Chiesa.

Giunti in sala, gremita di musicisti e tante personalità, siamo stati accolti con grande ammirazione e ricevere un Premio di questa portata ci ha emozionato.

Mons. Antonino Raspanti, Vescovo della Diocesi di Acireale ha raccontato la sua storia vocazionale fino a quando, dopo la commozione vissuta lo scorso 25 maggio, giorno della Beatificazione di Don Pino Puglisi ha pensato di scuotere la coscienza dei "violenti" invitandoli alla conversione  perché se arrivano all'ultimo respiro senza pentimento ma con tanti omicidi sulle spalle non potranno ricevere le esequie come previsto dal Diritto Canonico.. Chiariamo: Mons. Raspanti afferma che non fa altro che proporre quanto la Chiesa già ha sottolineato nel monito di Giovanni Paolo II lanciato il 9 maggio del 93 nel suo anatema che ha squarciato il silenzio nella Valle dei Templi di Agrigento. e proprio in questa cornice Mons. Antonino accetta e FIRMA la sua ADESIONE al Centro Studi Culturale Parlamento della Legalità.

Poi tocca a noi: un semplice messaggio "Ricevere questo Premio Memorial ci sprona a non mollare e a vivere la Legalità cantata nelle Beatitudini - Beati gli afflitti perché saranno consolati...  ". Non c’è lotta alla mafia se prima non diventa proposta di una cultura della vita, provando ad azzerare il mafioso che alberga in noi che si chiama orgoglio, cattiveria,  egoismo, prepotenza, arroganza".

Si rientra a Palermo e Mons. Raspanti ad Acireale con un quadro che raffigura i due Papi intenti a benedire.

Interpretiamo questo quadro come la benedizione ed il sostegno al nostro impegno, che non si arresta ma continua.

Premio Wojtyla premio Wojtyla

20 Novembre 2013 - Partiti dalla Tomba del Beato Pino PUGLISI diretti all'ARS: il Parlamento della Legalità propone un NO alla mafia con fatti concreti e proposte forti. Ecco come...

L'orologio scandiva le 10,30 quando puntuali i giovani del "Parlamento della Legalità Multietnico" hanno varcato la soglia della Cattedrale di Palermo con in mano un fiore, una rosa, da lasciare su quella spiga di marmo contenente il corpo del "prete rompiscatole", del Beato don Pino Puglisi ucciso per non aver piegato le ginocchia davanti a nessun uomo del "disonore". Sono eleganti, belli, veri, semplici e determinati i nostri "parlamentari " tutti emozionati perché dopo una preghiera sono stati accolti all'Assemblea Regionale Siciliana dal Presidente della V Commissione (Cultura e Lavoro) l'on. Marcello Greco.

Accolti con tutti gli onori i nostri giovani siedono nella sala gialla di Palazzo dei Normanni. Al tavolo della Presidenza diversi deputati che per l'occasione sono venuti ad ascoltare le proposte di chi crede nella cultura della vita e del riscatto. C’è aria di festa ma anche di commozione e di voglia di fare sul serio. Il Presidente Greco apre i lavori e si dice contento dell'incontro e degli argomenti che la Commissione tutta vuole portare avanti con il Parlamento della Legalità.

Dal fondo della sala arriva anche il Presidente della Commissione Regionale Antimafia Nello Musumeci e anche lui ha parole di apprezzamento per quanto fatto e per quanto il Parlamento della Legalità propone su territorio nazionale.

Da come parla si nota che il Presidente della Commissione Regionale Antimafia conosce la storia del nostro movimento.

I giovani prendono la parola, dopo che viene firmato il protocollo di Intesa Culturale tra l'Associazione Sicilia in Europa, guidata da Vincenzo Nicosia e il Parlamento della Legalità.

I giovani parlamentari si alternano al microfono del leggio ufficiale. Chiedono Verità e Giustizia, desiderano un mondo più umano senza preconcetti e pregiudizi, invocano una scuola per tutti e una cittadinanza attiva e infine una supplica: "non fateci emigrare tutti".

In sala anche studenti della scuola elementare  Pietro Novelli di Monreale, giovani della Palestra di Massimo Leone, rappresentanti delle Istituzioni arrivati dal Comune di Altavilla Milicia, collaboratori di Presidenza del Parlamento della Legalità nazionale come Salvatore Sardisco e Alessandro Sammaritano, e non ultimo la nomina a soci onorari del Parlamento della Legalità di Daniele Sicilia (fotoreporter) e della giornalista Sandra Pizzurro.

Il Presidente della Commissione Cultura promette solennemente che insieme al Parlamento della Legalità si farà tappa a Bruxelles, mentre i  nostri studenti dell’ I.I.S.S: "Francesco Ferrara " vengono chiamati per nome e per nazionalità diversa si schierano dinnanzi alla commissione cultura.

Grande successo: Il Presidente della Commissione Marcello Greco e il Presidente della Commissione Regionale Antimafia Nello Musumeci vengono nominati Soci Onorari del Parlamento della Legalità.

Soddisfatte e commosse le professoresse Mariella Palermo e Anna Vaiana che passo passo con zelo e dolcezza stanno guidando il cammino culturale di questi meravigliosi giovani e studentesse.

Tante foto, tanti applausi, tanta gioia e molta determinazione. Ci si abbraccia, si applaude alla vita e si ricorda che non bisogna mollare perché tanti Uomini e Donne Libere hanno pagato con la vita e con il sangue ciò che noi oggi professiamo.

Il pensiero ritorna a Don Pino Puglisi, ai fiori lasciati sulla sua tomba, mentre Francesco Panasci ricorda che domani Giovedì 21 novembre alle ore 21,15 ci si vedrà in uno speciale tutto nostro sull'emittente regionale TGS.

Parlamento della Legalità Multietnico

Insieme al Parlamento della Legalità Multietnico si sono aggregati i bambini della scuola elementare di monreale e gli atleti "dis-abili" guidati dall'amico Massimo Leone.

Ecco come abbiamo vissuto l'incontro all'ARS nella Giornata Internazionale dei Diritti dei Bambini e degli Adolescenti.

Le foto immortalano la gioia e l'emozione, la determinazione di crederci e di mettersi in gioco. E' la vita che va cantata ...in qualunque modo e in ogni circostanza.

E noi del Parlamento della Legalità questo lo sappiamo bene.

ARS 20 novembre ARS 20/11/2013 DSC_6440 DELEGAZIONE ALL'ARS PARLAMENTO MULTIETNICO

Forza Ragazzi...forza giovani...l'alba ci attende e insieme sveglieremo l'Aurora.

Questi sono fatti...fatti di cuore...

Nicolò Mannino

Il Parlamento della Legalità a "La Tana del Lupo"

Ospiti del programma "La Tana del Lupo" trasmessa dall'emittente Zero Nove Uno Tv, condotta da Francesco Panasci

il Presidente del Centro Studi Culturale Parlamento della Legalità  Nicola Mannino  e gli studenti dell' Istituto F.Ferrara di Palermo.

Il Parlamento della Legalità Multietnico !

 

Clicka:

http://www.youtube.com/watch?v=9ys5GEaqwss&feature=share&list=PLV6ynqLNqW3XqsWItjaLitatWCUxJJ8fA

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=9ys5GEaqwss&feature=share&list=PLV6ynqLNqW3XqsWItjaLitatWCUxJJ8fA[/youtube]

 

LA COMUNITA' ECCLESIALE "MARIA S.S: DEL ROSARIO" di PARTINICO riceverà l'AMBASCIATA DELLA FEDE A FIRMA PARLAMENTO DELLA LEGALITA'

Siamo dinnanzi a una Comunità Ecclesiale che da settimane prega per una iniziativa che vede il Parlamento della Legalità delinearsi come un movimento di forte ispirazione cristiana che desidera solo educare i giovani ad essere artefici e protagonisti nel proprio Paese ( leggesi ITALIA) mettendo a servizio il loro talento naturale.

E così partono le Ambasciate del Parlamento della Legalità:

Il termine Ambasciata richiama quello di  "Sentinelle" tante volte pronunciato da Papa Giovanni Paolo II.

Ambasciatori e Sentinelle di cosa? ..semplice : dei Valori della Vita...delle Beatitudini della Gioia.

E così su tutto il territorio nazionale nascono le varie ambasciate della "Solidarietà", dello "Sport", della" Speranza", della "Pace", della "Saggezza ", della "Gioia", del "Coraggio ", dei "Colori", del "Sorriso", dell’ "Innocenza", della "Vita ", della "Fede", della "Legalità".

I valori ai quali ci si ispira vengono di volta in volta definiti tra la Presidenza del Parlamento della Legalità e l'Ente che desidera aderire al progetto formativo culturale ( che in questo anno accademico 2013 / 2014 gode del Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri) da vivere principalmente nel mondo scuola tra i banchi della cultura per poi arrivare nel territorio di appartenenza.

A Partinico “sorgerà” l’ Ambasciata della FEDE.

La nomina dell'Ambasciata della Fede è avvenuta durante il Convegno sul tema "Se ognuno fa qualcosa" svoltosi nella Comunità Veronese di Mozzecane lo scorso 8 novembre.

Qui Caterina Chinnici ha letto la lettera della Comunità Ecclesiale "Maria S. S. del Rosario " di Partinico ( che alleghiamo) e l'Arcivescovo firmava con noi la nomina su pergamena.

La Consegna e l'Insediamento dell'Ambasciata della Fede sarà la prima Domenica di Avvento - Domenica 1 Dicembre - a conclusione della S. Messa della ore 18.

La prima Ambasciata dell'anno accademico 2013 / 2014 a firma di Caterina Chinnici, figlia del grande Rocco Chinnici fondatore del pool antimafia - Capo dipartimento minorile del Ministero della Giustizia - Guida Spirituale Nazionale del Parlamento della Legalità, di Mons. Michele Pennisi Arcivescovo di Monreale,membro della Commissione Giustizia e Pace presso la Santa Sede e Guida Spirituale del Parlamento della Legalità, e Nicolò Mannino Fondatore e Presidente di questo movimento.

Vi invitiamo a partecipare.

Chi non può fisicamente almeno con la condivisione della preghiera.

E così nessuno più si farà "Rubare la Speranza" poiché si riparte accanto a Maria "Stella del Mattino", dolce catena che ci rannoda a Dio.

A Mons. Pennisi e Caterina Chinnici il nostro abbraccio e il GRAZIE di cuore.

 

la Festa dell' Albero - 19 novembre 2013

 

 

 

 

 

 

 

 

la Festa dell'Albero

 

Locandina Evento, la foto utilizzata è in anteprima l'opera dell'artista Elisa Martorana "L'Albero"

 

E a Piazza San Pietro mentre arrivava Papa FRANCESCO veniva annunciata la presenza anche del Parlamento della Legalità - Una grande emozione

Dal grande arco che permette l'accesso in Piazza San Pietro, gremita da migliaia di persone arrivate prestissimo da tanti continenti del mondo, ecco sbucare la cosiddetta papamobile.

Semplicemente una macchina bianca dove Papa Francesco scoperto da tutto e coperto dall'affetto della folla fa il suo ingresso tra la sua gente che cerca di immortalare ogni gesto sia con cellulari che macchine fotografiche,

Prima un addetto del cerimoniale vaticano annuncia i gruppo e le associazioni presenti all'Udienza del 23 ottobre 2013.

L'elenco è infinito...e in questo infinito mare di gente attenta sempre a cercare Papa Francesco e ad applaudire, si sente anche pronunciare la presenza e la partecipazione all'udienza della delegazione del Centro Studi Culturale Parlamento della Legalità di San Cipirello (si è voluto specificare dove nasce e vi è tutt'ora la sede nazionale).

Sentire questa voce possente chiamarci per nome e far rimbombare la nostra sigla tra la piazza e il colonnato di San Pietro dinnanzi a migliaia di fedeli  arrivati da tutto il MONDO è stato emozionante.

Il giorno dopo l'autorevole giornale del Vaticano "L'Osservatorio Romano" riepilogando il tutto ha inserito anche il nostro movimento.

A Papa Francesco è stata consegnata una busta stracolma di lettere e messaggi di giovani..e li tutto il nostro affetto e la nostra costante preghiera per LUI affinché ci incoraggi sempre a non farci rubare la Speranza.

Nei due allegati la ricostruzione dell'articolo che ci cita e la foto di Papa Francesco che potete stampare visto che c’è scritto anche il nostro pensiero d'affetto filiale.

 E così si riparte forti, entusiasti, gioiosi e pieni di determinazione poiché dopo l'incontro del 23 settembre con il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano al Quirinale per l'inaugurazione dell'Anno Scolastico, dopo l'Udienza con Papa Francesco, ricevendo i Patrocini al nostro progetto formativo culturale dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dal Ministro della Giustizia, dal sindaco del Comune di Palermo...non ci resta che partire portando a tutti un solo messaggio: "Cambiare è possibile".

papa

Anche un cuoricino da una Bambina paraplegica nella busta /dono per PAPA FRANCESCO

Nella busta indirizzata a Papa Francesco ci sarà anche un piccolo cuoricino in legno, il dono realizzato nel giorno del suo nono compleanno da papà e manna che hanno la loro  bambina paraplegica e che hanno voluto dire agli invitati "Grazie per essere qui con la nostra piccola...". Sarà proprio il dono più "toccante" consegnato dal giovane Antonino, un alunno di terzo anno superiore...  insieme a tanti disegni e lettere che renderanno particolarmente bella la busta gialla con su scritto" A Papa Francesco i tuoi giovani studenti del Parlamento della Legalità dell'Istituto  Tecnico- Liceo delle Scienze Umane- Linguistico e Motoria "Francesco Ferrara " di Palermo.

In queste ore si scrive e si colora, si pensa e le classi del "Ferrara" sono un cantiere di cultura dove tutti, studenti musulmani e cristiani, atei e scettici scrivono per Papa Francesco e lo fanno  con entusiasmo

nell'ora di Religione Cattolica.

Non c’è esonero quando parla il cuore e la gratitudine si scrive con i colori della vita. Gli studenti/esse del Ferrara in questo sono "docenti".

A consegnare il tutto sarà una rappresentanza formata dal Dirigente Scolastico Eliana  Romano, dalla D.S.G.A. Maria Giovanna Sparacino e dal docente Nicolò Mannino che è anche il Presidente del Centro Studi

Culturale Parlamento della Legalità.

Le lettere , i messaggi, i disegni, le riflessioni, sono a firma di alunni che arrivano al "Francesco Ferrara" da diversi Paesi che si affacciano sul Mediterraneo e non solo: dalla Giordania, al Ghana, dalla Nigeria

alla Costa D'Avorio, dallo Sri Lanka al Bangladesh, dalla Tunisia al Marocco...

" Prima di mettere colori su fogli - spiega il prof. Nicolò Mannino - abbiamo commentato la figura e l'operato di Papa Francesca e gli alunni hanno voluto conoscere la sua azione pastorale richiamando attentamente quelle espressioni forti come  NON FATEVI RUBARE LA SPERANZA....oppure TESTIMONIATE LA BELLEZZA DEL VANGELO  E SOLO SE FOSSE NECESSARIO FATELO CON LE PAROLE..."

La Busta verrà consegnata al Successore di Pietro, mercoledì 23 ottobre durante l'Udienza in Piazza San Pietro.

600352_668673989819273_1603756028_n 1375985_668673836485955_608583156_n 1391951_668673929819279_1807455679_n

Con il Ministro della Pubblica Istruzione Università e Ricerca Maria Chiara Carrozza per ripartire dalla Scuola a favore di una Cittadinanza attiva

Rispetto dell'ambiente e riscoperta dei valori della vita, ottimismo di fondo e voglia di mettersi in gioco per ridare vigore e forza al nostro Paese, progettualità d'Insieme e tanta creatività per educare alla bellezza dello Studio a favore di un presente a colori per una cittadinanza attiva dove da parte di tutti ci sia impegno cooperazione e risveglio delle coscienze orgogliosi e fieri di essere cittadini Italiani.

Una sintesi ma ovviamente tanto ancora nelle parole del Ministro alla Pubblica Istruzione Università e Ricerca Maria Chiara Carrozza la quale con schiettezza, incisività e tanta professionalità ha rapito i cuori di centinaia e centinaia di studenti riuniti del cortile d'Onore del Quirinale in occasione dell'Inaugurazione dell'Anno Scolastico 2013/2014.

Noi del Centro Studi Parlamento della Legalità' l'abbiamo incontrata prima dell'inizio della bella manifestazione culturale e dopo aver presentato le linee guida del progetto formativo che vivremo in questo anno accademico. Le abbiamo omaggiato il "distintivo" con tanto di logo e scritta "Noi ci crediamo" che richiama l'impegno che desideriamo vivere in ogni parte del nostro Paese a favore di una cultura della Vita.

Con quella umanità e altrettanta professionalità che la contraddistingue il Ministro ha avuto parole di incoraggiamento per quanto vorremmo fare e ha accolto il dono lasciandosi fotografare per immortalare un momento di condivisione dove immagini  e silenzi dicono più di mille parole.

Un grazie di cuore lo indirizziamo alla Dott.ssa Giovanna Boda, Direttore Generale del MIUR , che sempre vigile,disponibile e presente nei progetti organizzati nel mondo "Cultura" con i colori della bandiera, ci sprona a fare sempre meglio proponendo percorsi educativi a favore di quell'impegno culturale che dai banchi di scuola arriva diritto al cuore di chi si mette in gioco per dire con i fatti quanto affermato dal giudice Antonino Caponnetto dopo le stragi di Capaci e Via D'Amelio: "Coraggio...non è tutto finito".

20130923_160905