Andrò a San Giovanni Rotondo con Vincenzo nel cuore: Nicolò Mannino si rivela

Monreale (PA) – Andrò a San Giovanni Rotondo con Vincenzo nel cuore: Nicolò Mannino si rivela. «“Andrò a San Giovanni Rotondo nella splendida città di Padre Pio, portando nel mio cuore il ricordo e l’affetto per un giovane meraviglioso che ben diciannove anni fa dopo aver scritto un tema sul senso della morte, alle porte del suo diciottesimo compleanno ha abbracciato la tenerezza di Dio a causa di un incidente stradale, Si tratta di Vincenzo Troiano”. Nicolò Mannino, presidente del Parlamento della Legalità Internazionale si accinge ad arrivare nella città del grande frate cappuccino che tutto il mondo anima, nel suo cuore però tutela un ricordo che lo vede ancora in dialogo con papà Franco e mamma Annalista. “La morte di Vincenzo troiano – dice Nicolò’ Mannino, visibilmente commosso – ha portato tanti giovani a interrogarsi sul senso della vita e sulla bellezza della fede in Dio, un Dio che Vincenzo Troiano amava e quindi non aveva paura della morte poiché conosce il valore dell’Amore e della Gioia di un Padre che è fonte di ogni abbraccio e consolazione”.

 Dopo la morte di Vincenzo, i genitori e Nicolò Mannino hanno organizzato una “festa di fede” nella Chiesa “La Stella di Manfredonia, portando all’altare una torta di margherite bianche e su, una farfalla. “Se ne è andato silenziosamente come su ali di farfalla senza darci il tempo di un bacio – diranno poi i genitori papà Franco e mamma Annalisa”. E nel giorno del diciottesimo compleanno di Vincenzo i genitori, insieme a Nicolò Mannino, decidono di regalare alla Comunità Ecclesiale il fonte battesimale. Forse un modo per dire che la vittoria non spetta alla morte ma alla vita. “Grazie a Franco e Annalisa – dice Nicolò Mannino – è stato curato il libro “Su ali di Farfalla”, meraviglioso testo che raccoglie il tema di Vincenzo scritto mesi prima della sua dipartita e poi tanti pensieri di giovani coronati dalla lettera aperta di papà Franco e dell’intervista di mamma Annalisa”.  Sabato 16 novembre Nicolò Mannino arriverà a San Giovanni Rotondo grazie all’operosità di Michele Di Maggio nominato Socio Onorario del Parlamento della Legalità Internazionale lo scorso 28 ottobre a Montecitorio. “Ringrazio di cuore l’amico Michele Di Maggio per aver creduto negli obiettivi e finalità del nostro movimento organizzando i due eventi nella città di Padre Pio. A lui fin da adesso va il mio affettuoso grazie e insieme ricorderemo Vincenzo Troiano che porto nel cuore, come un fratello fa col fratello più piccolo”. Ancora una volta il Parlamento della Legalità Internazionale si accinge a cantare la Vita».

06112019b