•  13

    Insignito nuovo Presidente Onorario Parlamento della Legalità Internazionale

    Generale di Corpo D'armata  della Guardia di Finanza Carmine Lopez

  • 11

    Incontro Istituzionale con la Presidentessa del Senato Maria Elisabetta Casellati.

     

     

     

  • 10

    Tra cultura del riscatto e caffè letterari.

    La Campania abbraccia il Parlamento della Legalità Internazionale

  • Donato al Papa Il libro Peccatori Si, Corrotti Mai. Da parte del Vice-Presidente Salvatore Sardisco.

    Libro a cura di Niccolo Mannino (Presidente ) e  Salvatore Sardisco (Vice-Presidente).

  • Incontro Culturale di formazione alla Legalità Napoli

    Presso Teatro San Vitaliano, la società civile Partenopea fa quadrato attorno al Presidente Nicolò Mannino …

  • Inaugurazione anno accademico 2018/2019 del Parlamento della Legalità Internazionale

    A Montecitorio il Parlamento dei piccoli spazza via quello dei grandi.

  • Consegnato a Papa Francesco il Progetto Culturale Ricercatori dell'Alba.

    A Roma, il presidente del Parlamento della Legalità Internazionale Nicolò Mannino.

  • Inaugurazione Presidenza Nazionale del Parlamento della Legalità Internazionale

    Monreale 22 maggio 2017 – Nel pomeriggio del 22 maggio è avvenuta l’inaugurazione a Monreale della Presidenza Nazionale del Parlamento Internazionale.

SEMPLICEMENTE BELLI PERCHÈ VERI. ARRIVEDERCI AL SETTE SETTEMBRE

Il sette settembre si avvicina e con esso il grande appuntamento del terzo Convegno Nazionale del Parlamento della Legalità Internazionale. Nicolò Mannino e Salvatore Sardisco non guardano giorni ed ore, ma rispondono alle centinaia di telefonate e registrano presenze da Monza, Verona, Genova, Roma, Campania, Puglia, Basilicata, e Sicilia. A chi prova a chiedere ai due “guerrieri del bello” da dove pigliano tutta questa forza, ecco presentarci una foto con i bambini. Pensavamo foto di posa con qualche politico di turno, meteora momentanea nel firmamento della retorica, invece no. La forza Nicolò Mannino e Salvatore Sardisco la ricevono dai bambini, dagli adolescenti, dai giovani che in migliaia hanno partecipato alle loro conferenze, agli incontri dibattito dove loro da veri protagonisti ha no pianto, sorriso, applaudito, cantato e sperato in un mondo migliore. Bambini e giovani che non amano sventolare il simbolo di un partito o di un movimento ma semplicemente far respirare quel fresco profumo di libertà che alberga nella spontaneità del loro cuore. E cosi forti di tanto affetto, amicizia e gratitudine, il prossimo sette settembre nel palazzo arcivescovile di monreale si potrà respirare quell’atmosfera di festa e di gioia che in casa parlamento della legalità internazionale non è un novità. Bensì normalità poichè dove vi sono i bambini e i giovani vi è solo amore e dove l’amore regna tutto è eternamente vero e vivo.

Leggi tutto

Atteso il libro “Profeticamente Scomodi” di Nicolò Mannino

Monreale (PA) – Atteso il libro “Profeticamente Scomodi” di Nicolò Mannino. «Anni di riflessione e di lavoro incessante, un’attenta composizione dei pensieri e delle riflessioni che non sfiorano minimamente la retorica ma vanno diritti al cuore e creano quel “silenzio” che educa all’ascolto dell’anima e offre l’antidoto per lottare contro ogni maschera dell’apparire cercando di chiamare “La Verità” con il suo nome e cognome. E’ questa in sintesi l’azione culturale del libro tanto atteso (principalmente da un pubblico di docenti e giovani di tutta Italia) a cura di Nicolò Mannino dal titolo “Profeticamente Scomodi: Quando un uomo si sporca le mani, Don Tonino Bello”. Un’opera alla quale Nicolò Mannino (noto a un ampio pubblico di lettori di tutte le categorie sociali, per i suoi testi di carattere socio/culturale a favore dei valori della legalità, della pace, della solidarietà pura e disarmante) ha lavorato per anni, conseguendo così la Specializzazione in S. Teologia Spirituale, facendo  conoscere ancora nei dettagli lo zelo pastorale di un “grande Uomo  di Dio”

Leggi tutto

Il Parlamento della Legalità Presieduto dal Prof.Nicolo' Mannino Perora la petizione sulla giornata del Migrante Ignoto

 

Istituire la Giornata Internazionale del Migrante Ignoto

Chi emigra non sa verso dove fugge. I flussi di persone in movimento non hanno né confini né identità. Ad un fenomeno globale non si può rispondere con misure locali.Il Parlamento della Legalità da sempre sensibilizzato verso gli ultimi Lancia l'appello a sottoscrivere quanto piu' possibile questa petizione.Per saperne di più raggiungere il sito al seguente link :

https://www.change.org/p/pontifex-it-giuseppeconteit-ep-president-antonioguterres-istituire-la-giornata-internazionale-del-migrante-ignoto?recruiter=false&utm_source=share_petition&utm_medium=sms&utm_campaign=psf_combo_share_initial&recruited_by_id=f4e24bfc-8c75-417c-b389-b6e329f7d982&share_bandit_exp=initial-16575469-it-IT&share_bandit_var=v1

 

Leggi tutto

PARLAMENTO DELLA LEGALITÀ INTERNAZIONALE. Salvatore Sardisco: è già un successo.

Salvatore Sardisco, vice presidente del Parlamento della Legalità Internazionale in queste ore prova a tirare un bilancio inerente l’organizzazione del terzo convegno nazionale del movimento in calendario per il prossimo sette settembre dalle ore nove e trenta in poi presso il Palazzo Arcivescovile di Monreale. Un evento che già si registra come un successo visto le continue telefonate che arrivano all’indirìzzo del vice presidente che in queste ore è in piena attività organizzatìva. Da tutte le regioni d’Italia si annota una singolare partecipazione, dalla Lombardia alla Liguria, dal Veneto al Lazio, dalla Campania alla Puglia, dalla Basilicata alla Sicilia compresa. Telefonano da Comuni, da scuole, semplici cittadini, giornalisti, esponenti del mondo istituzionale , imprenditoriale, e anche delle forze dell’ordine. “Tutto cio’ ci incoraggia a continuare il cammino culturale intrapreso con entusiasmo e gioia, dice Salvatore Sardisco, guardando sempre il positivo e l’ottimismo che alberga nel cuore di chi non ama stare a guardare ma crede nell’azione unitaria di chi ha lo stesso sogno da realizzare: un presente di solidarietà e di pace da vivere dalla pareti domestiche al contesto sociale”.

Leggi tutto

La nostra missione

Il Parlamento della Legalità Internazionale è un movimento culturale, interconfessionale e interreligioso che trova le sue radici nella “sete” di Verità e Giustizia a partire dalle stragi di capaci e via D’Amelio. Nato anche per volere del giudice Antonino Caponnetto – coordinatore del pool antimafia di Palermo che succede al suo fondatore Rocco Chinnici – che da subito ne diventa “Presidente Onorario”, il Parlamento della Legalità Internazionale ha come obiettivo e finalità quello di dialogare principalmente con il mondo scuola e società civile affinché chiunque, a partire dal proprio talento naturale (letterario, artistico, musicale, sportivo, o quant’altro) si metta in gioco per cooperare allo sviluppo del territorio e insieme divenire artefici e protagonisti di un presente “a colori".

La nostra convinzione

La nostra convinzione

Lavorare per costruire una cultura della legalità nel rispetto dei principi Costituzionali, ispirata a tutte quelle persone che, a qualunque titolo, hanno operato contro le mafie e contro la criminalità organizzata.

L'impegno per i giovani

L'impegno per i giovani

Promuovere una cultura di contrasto all’indifferenza, potenziando le qualità naturali dell’individuo, con particolare riguardo ai giovani, per renderli artefici del proprio destino a favore di una cittadinanza attiva, per contrastare la mentalità mafiosa e clientelare.

Le parole del Papa

Le parole del Papa

“Andare avanti nella pulizia della propria anima, nella pulizia della città, nella pulizia della società, perché non ci sia quella puzza della corruzione”.

L'aiuto concreto

L'aiuto concreto

Istituzione di borse di studio, concorsi culturali e iniziative a favore di giovani studenti, meritevoli e bisognosi, per studi e attività aventi a tema il valore della legalità.

Attività

Attività

Attività editoriali e divulgative, attraverso qualunque canale di comunicazione che favorisca la crescita e la diffusione di una cultura e di una coscienza antimafiosa.

Iniziative

Iniziative

Organizzazione di studi, convegni, seminari, mostre, incontri, iniziative, spettacoli e ogni altra iniziativa idonea a perseguire e realizzare le finalità statutarie.

Ci vuoi salutare o desideri saperne di più?

Aiutaci a promuovere una cultura di legalità nel rispetto dei principi Costituzionali, ispirata a tutte quelle persone che, a qualunque titolo, hanno operato contro le mafie e contro la criminalità organizzata.

Contattaci

Ultime notizie

Qui troverai gli articoli del Parlamento della Legalità Internazionale, che rappresentano la nostra storia, della quale siamo fieri ed orgogliosi.

A Castel Vecchio con il generale Tota per una cultura di vita col tricolore nel cuore.

A Castel Vecchio con il generale Tota per una cultura di vita col tricolore nel cuore.

“Sarà una festa della vita, un Inno alla Speranza per  rafforzare un impegno culturale ricco di valori che vanno oltre gli steccati e richiamano quella fresca ebbrezza di pace e di giustizia che i piccoli invocano a cuore aperto”. Cosi Nicolò Mannino indirizza un messaggio di gratitudine e di ammirazione al Generale di Corpo D’Armata  Giuseppenicola Tota Comandante Forze Operative Terrestri di Supporto e collaboratore di Presidenza del Parlamento della Legalità Internazionale. Venerdì diciassette gennaio  alle ore sedici e trenta al Circolo Ufficiali dell’Esercito di Castel Vecchio a Verona a dare il benvenuto ai tanti ospiti sarà proprio il Generale Tota che accoglierà con quella solarità e simpatia che lo contraddistinguono lo staff di presidenza del Parlamento della Legalità Internazionale nella persona del suo presidente Nicolò Mannino, del vice Salvatore Sardisco, di Mons. Michele Pennisi Arcivescovo di Monreale e guida spirituale del Movimento,

Nicolò Mannino e Maurizio Artale insieme per una cultura di riscatto nel nome di padre Pino Puglisi.

Nicolò Mannino e Maurizio Artale insieme per una cultura di riscatto nel nome di padre Pino Puglisi.

Una visita lampo, un incontro tra amici che risale a quel settembre del 1993 quando il prete di Brancaccio incontro’ il suo killer nel giorno del cinquantaseiesimo compleanno. Nicolò Mannino e Maurizio Artale si sono ritrovati nella “Casa Museo del Beato padre Pino Puglisi” e dopo aver “contemplato” con gli occhi commossi dell’affetto verso il sacerdote ucciso “in odium fidei”, ecco che le due “personalità” schivando telecamere e giornalisti  coordinano una serie di iniziative che partono dal cuore e finiscono nel silenzio dell’anima. Tutto inizia e trova il suo senso nel sorriso e nello zelo del Beato Padre Pino Puglisi, da quella targa che Nicolò Mannino nel marzo del 1994  con i giovani di Brancaccio fisso’ dietro il portone dove Padre Pino cadde vittima del colpo di pistola. “La fede non si nasconde, non si cela,

Andrò a San Giovanni Rotondo con Vincenzo nel cuore: Nicolò Mannino si rivela

Andrò a San Giovanni Rotondo con Vincenzo nel cuore: Nicolò Mannino si rivela

Monreale (PA) – Andrò a San Giovanni Rotondo con Vincenzo nel cuore: Nicolò Mannino si rivela. «“Andrò a San Giovanni Rotondo nella splendida città di Padre Pio, portando nel mio cuore il ricordo e l’affetto per un giovane meraviglioso che ben diciannove anni fa dopo aver scritto un tema sul senso della morte, alle porte del suo diciottesimo compleanno ha abbracciato la tenerezza di Dio a causa di un incidente stradale, Si tratta di Vincenzo Troiano”. Nicolò Mannino, presidente del Parlamento della Legalità Internazionale si accinge ad arrivare nella città del grande frate cappuccino che tutto il mondo anima, nel suo cuore però tutela un ricordo che lo vede ancora in dialogo con papà Franco e mamma Annalista. “La morte di Vincenzo troiano – dice Nicolò’ Mannino, visibilmente commosso – ha portato tanti giovani a interrogarsi sul senso della vita e sulla bellezza della fede in Dio, un Dio che Vincenzo Troiano amava e quindi non aveva paura della morte poiché conosce il valore dell’Amore e della Gioia di un Padre che è fonte di ogni abbraccio e consolazione”.

IL PARLAMENTO CHE CURA ATTRAVERSO IL LINGUAGGIO DELLA LEGALITA’ INTERNAZIONALE , Maestri e studenti uniti: la rivoluzione pacifica

IL PARLAMENTO CHE CURA ATTRAVERSO IL LINGUAGGIO DELLA LEGALITA’ INTERNAZIONALE , Maestri e studenti uniti: la rivoluzione pacifica

Le nostre origini sono la base sicura sulla quale fare esperienza e costruire gli ideali, i sogni. Realizzarli, significa soggettivarsi, ovvero presentarsi al mondo con il proprio nome di battesimo. Ma quando ci scontriamo con l’ingiustizia e l’illegalità, che tentano di derubarci le radici, il nome, rischiamo di perdere la bussola e di non comprendere chi siamo. Difronte all’inconsapevolezza umana, all’irresponsabilità del clan, le intelligenze umane arruolano plotoni di sentimenti per parlare il linguaggio della legalità, e guardare oltre le rovine, che la mafia aveva, stava e programmava di offendere uomini e comunità intere. Era il 1989 quando il “professore antimafia” Nicolò Mannino conosciuto da tutti come il “maestro buono” che partecipava attivamente con Paolo Borsellino e Caponnetto ai convegni sulla legalità, battezzava all’indomani delle stragi di Capaci e via D’Amelio, il Parlamento della legalità internazionale. Un vero e proprio “pronto soccorso” per tutti coloro, che rischiavano di essere risucchiati dal vortice dell’azione mafiosa, che cercava di reclutare uomini per trasformarli in marionette. Quando Leonardo Sciascia scriveva che i Maestri e la Scuola avrebbero

IL PARLAMENTO DELLA LEGALITA' A MONTECITORIO,l’Ambasciata del dono, nel nome di Nicholas Green

IL PARLAMENTO DELLA LEGALITA' A MONTECITORIO,l’Ambasciata del dono, nel nome di Nicholas Green

Nel corso della solenne cerimonia promossa dal Parlamento Internazionale della legalità, presso il salone dei Gruppi Parlamentari a Montecitorio, il presidente Nicolò Mannino e la Signora Maria Scaglione, figlia del primo Magistrato ucciso dalla mafia: il giudice Pietro Scaglione, hanno consegnato alla delegazione dei Ragazzi Sindaci, guidata dal preside Giuseppe Adernò, l’attestato ufficiale dell’Ambasciata del Dono, nel segno di Nicholas Green. La scelta di intitolare alla “cultura del dono” la 38° Ambasciata è stata sollecitata dalla ricorrenza dei 25 anni dalla tragica fine del piccolo Nicholas Green, i cui genitori hanno donato gli organi, consentendo a sette cittadini italiani di continuare a vivere ed hanno dato all’Italia una splendida lezione di civiltà e di generosità che ha rilanciato a diffuso la cultura della donazione.
Al “piccolo eroe” è stato intitolato il reparto di rianimazione del Policlinico “G. Martino” di Messina ed il suo dolce sorriso, come appare nel dipinto di Anna Bonomo, dà conforto e serenità ai pazienti del reparto nel difficile momento di sofferenza.

Al Cairo nascerà un’Ambasciata della Fratellanza

Al Cairo nascerà un’Ambasciata della Fratellanza

I rapporti tra l’Italia e l’Egitto, si sa, hanno subito qualche irrigidimento. Ma questo non impedisce ad organizzazioni dell’una e dell’altra parte di intrattenere rapporto di amicizia e di collaborazione.In questo contesto, infatti, è nata l’iniziativa della istituzione di un’Ambasciata della Fratellanza al Cairo, ad opera del Parlamento della Legalità Internazionale.Il Governo Egiziano, del resto, conosce il cammino culturale dell’associazione e si dice ben lieto di accogliere una delegazione guidata dal presidente e fondatore Nicolò Mannino e dal suo vice, Salvatore Sardisco, per condividere un cammino culturale finalizzato a dare voce a un orizzonte di pace, fraternità e solidarietà.